Nuovo vaccino contro il cancro combatte i tumori in tutto il corpo

Un nuovo “vaccino” per il cancro che viene iniettato direttamente in un singolo tumore può far scattare il sistema immunitario ad attaccare le cellule tumorali in tutto il corpo, suggerisce un nuovo piccolo studio.

I ricercatori dicono che la terapia sperimentale trasforma essenzialmente i tumori in “fabbriche di vaccini contro il cancro”, dove le cellule immunitarie imparano a riconoscere il cancro prima di cercarlo e distruggerlo in altre parti del corpo. “Stiamo vedendo i tumori in tutto il corpo che si sciolgono” dopo aver iniettato un solo tumore, ha detto l’autore dello studio principale Dr. Joshua Brody, direttore del Programma di immunoterapia per linfoma presso la Icahn School of Medicine del Monte Sinai a New York.

Nuovo vaccino contro il cancro

Nuovo vaccino contro il cancro

Tuttavia, la ricerca, pubblicata 8 aprile sulla rivista Nature Medicine , è molto preliminare. La terapia è stata testata solo su 11 pazienti con linfoma non Hodgkin (un tumore delle cellule del sistema immunitario), e non tutti questi pazienti hanno risposto al trattamento. Ma alcuni pazienti hanno avuto remissione per periodi relativamente lunghi, e i risultati sono stati abbastanza promettenti che la terapia viene ora testata anche in pazienti con tumori della mammella, della testa e del collo, hanno detto gli autori.

Inoltre, il “vaccino” sembra aumentare sostanzialmente l’efficacia di un altro tipo di immunoterapia chiamato “blocco del checkpoint” – la stessa terapia che l’ex presidente Jimmy Carter ha ricevuto per trattare il suo melanoma metastatico nel 2015. (“Immunoterapia” si riferisce a trattamenti che imbragano il sistema immunitario per combattere il cancro).

Le due terapie “sono straordinariamente sinergiche”, ha detto Brody di Live Science. Finora, i ricercatori hanno testato solo le terapie combinate nei topi, ma sono ottimisti sul fatto che le terapie combinate potrebbero avvantaggiare i pazienti oncologici, in particolare quelli che non beneficiano molto degli attuali trattamenti di immunoterapia.

Per essere chiari, il nuovo trattamento non è tecnicamente un vaccino – un termine usato per sostanze che forniscono un’immunità duratura contro le malattie. (Ancora, il termine “vaccino contro il cancro” può essere usato per riferirsi a terapie che addestrano il sistema immunitario a combattere il cancro, secondo l’ American Cancer Society .)

Invece, il nuovo trattamento è un tipo di immunoterapia . Si tratta di somministrare ai pazienti una serie di iniezioni con due tipi di immunostimolanti.

La terapia ha tre passaggi. In primo luogo, ai pazienti viene somministrata un’iniezione che contiene una piccola molecola che recluta le cellule immunitarie, chiamate cellule dendritiche, nel tumore. Le cellule dendritiche agiscono come generali in un esercito, dicendo al sistema immunitario “soldati” – noti come cellule T – cosa fare, ha detto Brody.

Successivamente, ai pazienti viene somministrata una dose bassa di radioterapia, che uccide alcune cellule tumorali in modo che riversino “antigeni” o proteine ​​che il sistema immunitario può imparare a riconoscere, ha detto Brody. Le cellule dendritiche prendono quindi questi antigeni e li mostrano alle cellule T.

Quindi, ai pazienti viene somministrata una seconda iniezione che contiene una molecola che attiva le cellule dendritiche.

“Le cellule dendritiche stanno imparando la lezione … e raccontandola alle cellule T”, che poi possono cercare nel corpo altre cellule tumorali, ha detto Brody.

Nel nuovo studio, molti degli 11 pazienti con linfoma hanno visto una regressione dei loro tumori che è durata per mesi o anni. Ma molti pazienti non hanno beneficiato della terapia.

I ricercatori erano anche interessati a vedere come la loro terapia ha funzionato con i farmaci del blocco dei checkpoint , che essenzialmente riducono i “freni” dai linfociti T, quindi migliorano le cellule tumorali. Mentre questa terapia può funzionare bene per alcuni tipi di cancro (infatti, il presidente Carter ha avuto una remissione completa dopo il trattamento con il blocco dei checkpoint), non funziona bene per gli altri, compreso il linfoma non Hodgkin.

Quando i ricercatori hanno dato farmaci di blocco del checkpoint a topi con linfoma non Hodgkin , il trattamento, non a caso, non ha avuto alcun effetto. Ma quando lo hanno somministrato in combinazione con il vaccino, circa il 75% dei topi il tumore è andato in remissione a lungo termine.

Il tipo di terapia testata nel nuovo studio è noto come “vaccinazione in situ”, poiché comporta iniezioni direttamente nelle cellule tumorali. Non è il primo vaccino oncologico sperimentale “in situ”: nel 2018, i ricercatori hanno riferito risultati promettenti di un altro vaccino in situ nei topi . Ma il nuovo trattamento è diverso perché si concentra sulle cellule dendritiche piuttosto che sulle cellule T.

Gli autori pensano che “questo potrebbe essere … efficace per molti tipi di cancro che finora non beneficiano molto dell’immunoterapia del cancro”, ha detto Brody.

Il dott. Mark Mulligan, direttore del NYU Langone Vaccine Centre, che non è stato coinvolto nello studio, ha detto che le nuove scoperte sembrano promettenti. Capire come sfruttare i farmaci per il blocco dei checkpoint per più tipi di cancro “è un aspetto importante della ricerca in corso”, ha dichiarato Mulligan a Live Science. I dati presentati nei topi e i primi dati del trial umano “sembrano promettenti” in termini di miglioramento dell’effetto dei trattamenti di blocco dei checkpoint.

Tuttavia, Mulligan ha avvertito che il nuovo studio è la “prima fase” dei test umani e che ora saranno necessari studi più ampi e più rigorosi per confermare la sicurezza e l’efficacia dei metodi.

Il dott. Pallawi Torka, un assistente professore di oncologia al Roswell Park Comprehensive Cancer Center di Buffalo, New York, specializzato in linfoma, ha concordato che i risultati sono “preliminari ma promettenti“.

Nuovi approcci immunoterapici per il trattamento dei linfomi non-Hodgkin sono “estremamente necessari“, ha detto Torka, che non è stato coinvolto nella nuova ricerca. L’efficacia dell’approccio di studio sono le “notizie gradite”, soprattutto in considerazione del notevole miglioramento riscontrato nello studio sui topi quando il trattamento è stato combinato con il blocco del checkpoint, ha dichiarato a Live Science.

Ma Torka ha notato che l’approccio terapeutico utilizzato nello studio è “abbastanza ingombrante”. I pazienti hanno ricevuto nove iniezioni giornaliere del primo immunostimolante, seguito da due dosi di radioterapia e poi da otto iniezioni del secondo stimolante immunitario.

“La prossima serie di esperimenti dovrà concentrarsi sulla semplificazione, sulla combinazione e sulla riduzione del numero di passaggi necessari” in modo che l’approccio possa essere testato in una serie di siti medici, piuttosto che in alcuni centri specializzati per il cancro, ha detto Torka.