Trombosi venosa profonda: Quali sono i sintomi di coaguli di sangue nella gamba?

I sintomi di coaguli di sangue nelle gambe, noto anche come trombosi venosa profonda (TVP) sono importanti per capire quando a farsi curare. DVT si verifica nelle vene profonde. Un coagulo superficiali nella vena della gamba è conosciuta come thrombophletbitis. Se una trombosi venosa profonda alla gamba,  può viaggiare per i polmoni, cervello e reni, portando ad arresto cardiaco o danno d'organo.

I sintomi di coaguli di sangue nella gamba

Trombosi venosa profonda

Gonfiore

Gonfiore in una o entrambe le gambe sono sintomi di un coagulo di sangue. Gonfiore che è un sintomo di un coagulo di sangue nella gamba può essere improvviso o cronico. Un coagulo di sangue nella gamba può produrre alcun sintomo meno che il coagulo si stacca e viaggia ad un'altra parte del corpo e blocca il flusso di sangue. Un coagulo di sangue che viaggia attraverso le vene delle gambe ai polmoni può causare la morte in poche ore, avverte l'American Academy of Orthopaedic Surgeons. I siti più comuni di coaguli di sangue nelle vene profonde si trovano nella coscia e del polpaccio. Il gonfiore proviene dal sangue che si accumula sotto il coagulo. Un coagulo è anche conosciuto come un trombo.

Disagio al piede

Dolore al piede è un sintomo di possibile coagulo di sangue nella gamba. Quando il flusso di sangue è bloccato o rallentato, i tessuti non ricevono abbastanza ossigeno dal sangue. Il risultato è il dolore. Le persone con aterosclerosi (indurimento delle arterie) hanno un rischio maggiore di sviluppare coaguli di sangue nelle gambe, come le persone con vene varicose.

Dolore nella zona del polpaccio

Dolore nella zona del polpaccio, soprattutto quando si cammina può indicare che un coagulo di sangue si sviluppato nella gamba. Se siete stati seduti per periodi prolungati, seguiti da uno qualsiasi dei sintomi associati con trombosi venosa profonda, ci vuole una diagnosi per escludere un coagulo di sangue che potrebbe provocare gravi conseguenze per la salute se non trattata. dolore al polpaccio è notevole di flettere il piede.

Arrossamento della pelle e il calore

La pelle nella zona in cui si forma un coagulo di sangue nella coscia o al polpaccio può apparire rosso. La pelle può essere calda al tatto, quindi è facile confondere un coagulo di sangue nella gamba con infezioni e lesioni.

Leggera febbre

La presenza di un coagulo di sangue nella gamba provoca l'infiammazione che potrebbe produrre un basso grado di febbre. La febbre non è sempre presente quando un coagulo di sangue si forma nella gamba. Quando la febbre è presente, di solito meno di 38 gradi C. La febbre non è specifica per la presenza di trombosi venosa profonda, ha detto uno studio pubblicato nel giugno 2000 e un indice PubMed.gov.

Lo scolorimento dell'arto

La caviglia e del piede possono apparire pallidi e possono essere un sintomo di un coagulo di sangue o trombosi venosa profonda alla gamba. Il piede appare pallido rispetto alla gamba sana. Diminuzione del flusso sanguigno causa il pallore del piede rende anche il piede sentire più fresco al tatto. Se non trattata, una colorazione bluastra della pelle e ridurre il calore al tatto indica che il flusso di sangue da un coagulo di sangue nella gamba è peggiorata. DVT è un problema serio che richiede una diagnosi e il trattamento immediato.

Prevenzione della trombosi venosa profonda

Prevenire la trombosi venosa profonda è molto più facile che trattarla dopo che si è verificata.
Alcune misure preventive comprendono i seguenti rimedi:

La dieta è fondamentale per aiutare a prevenire la formazioni di trombi, gli omega-3 sono degli acidi grassi che abbassano il livello di colesterolo e trigliceridi nel sangue, inoltre gli alimenti ricchi di fibra riducono l’assorbimento dei grassi nell’intestino e danno una sensazione di sazietà.

È importante seguire un’alimentazione ricca di antiossidanti (vitamine A,C,E) con molta frutta e verdura per preservare i vasi sanguigni.

Bisogna sapere quanta vitamina K si sta mangiando quando si prendono i fluidificanti del sangue.
La vitamina K può influire sul funzionamento dei farmaci come il warfarin. Gli alimenti ad alto contenuto di vitamina K sono le verdure a foglia verde e gli olii di colza o di soia.

Prendere i farmaci prescritti esattamente come indicati dal medico.
Se si subisce un intervento chirurgico, per esempio un operazione di tipo ortopedico, probabilmente si devono assumere dei fluidificanti del sangue durante la permanenza in ospedale.

Eseguire degli esercizi con i muscoli del polpaccio se si sta seduti a lungo. Ogni qualvolta possibile, bisogna alzarsi e camminare.
Se non è possibile alzarsi in piedi e fare una camminata si può semplicemente alzare e abbassare i talloni mantenendo le dita dei piedi sul pavimento, successivamente si possono alzare le dita dei piedi mentre i talloni rimangono a contatto con il pavimento.
La mobilizzazione passiva non serve perché è necessaria la contrazione muscolare per spingere il sangue venoso verso il cuore.

Movimento. Se si passa molto tempo a letto a causa di interventi chirurgici o peraltri motivi, prima ci si muove, minore è il rischio di sviluppare coaguli di sangue.

Modifiche di stile di vita. Perdere peso, smettere di fumare e controllare la pressione sanguigna. L’obesità, il fumo e la pressione alta aumentano il rischio di trombosi venosa profonda.

loading...