Vai al contenuto

Primi segni premonitori di bassi livelli di magnesio nel corpo! Migliori integratori.

    Il magnesio è un minerale molto importante per il corpo umano: 30- 60 grammi sono contenuti nelle ossa, denti, cervello, cuore e sangue. Il magnesio è richiesto dalle cellule del nostro corpo per funzionare normalmente. Questo minerale è responsabile di oltre 500 processi metabolici del nostro organismo.

    Ancora, l’USDA ha dichiarato che quasi la metà della popolazione soffre di carenza di magnesio. Questo perché il nostro corpo utilizza più magnesio, per affrontare lo stress di tutti i giorni. La dose giornaliera raccomandata di questo minerale è 500-1000 mg al giorno.

    Bassi livelli di magnesio nel corpo

    L’uso del cloruro di magnesio risulta invece consigliabile sia come integratore alimentare, che come vera e propria terapia in un ampio spettro di patologie.
    Esso ha inoltre il vantaggio di essere economico e facilmente assimilabile (pur essendo un sale inorganico), e ha inoltre la capacità (unico fra i sali di magnesio) di essere efficace nella terapia delle malattie infettive, capacità dovuta al suo effetto stimolante sui globuli bianchi ed ingenerale su tutto il sistema immunitario. Questo effetto, definito citofilassi, venne scoperto nel 1915 dal Prof. Pierre Delbet, dell’Accademia di Medicina di Parigi, allorché, avendo iniziato ad utilizzare una soluzione di cloruro di magnesio (alla concentrazione del 12,1 per 1000) per il lavaggio delle ferite, constatò che non solo questa non danneggiava i tessuti (come accadeva normalmente con la maggior parte degli antisettici usati in quei casi) ma facilitava addirittura la guarigione della ferita stessa, evitando inoltre pericolose complicazioni come le sovrainfezioni batteriche (assai frequenti a quei tempi) grazie appunto alla sua azione di stimolo sull’attività dei globuli bianchi. Tale azione (come Delbet ben presto scoprì) non è limitata ai globuli bianchi, ma è generale ed aspecifica: agisce cioè a livello di tutte le cellule dell’organismo e non solo di quelle coinvolte nei meccanismi di difesa. Delbet iniziò quindi ad utilizzare la soluzione anche per via orale e si accorse che questa procurava spesso ai pazienti una sensazione di benessere generale, di energia, una maggiore resistenza alla fatica ed maggiore stabilità emotiva.

    Positiva azione del magnesio nei confronti di numerose patologie:

    – dell’apparato digerente: in caso di coliti, di colecistiti e di angiocoliti
    – del sistema nervoso: nel tremore senile, nel morbo di Parkinson, e nei crampi muscolari
    – della pelle: nell’acne giovanile, nell’eczema, nella psoriasi, nelle verruche, nei geloni, nel prurito.

    • Tonsilliti e nelle faringiti, nella raucedine, nel raffreddore comune, nell’influenza, nell’asma, nella bronchite, nella broncopolmonite, nell’enfisema polmonare, nelle malattie “dei bambini” (pertosse, morbillo, rosolia, parotite, scarlattina…), nelle intossicazioni alimentari e professionali, nella gastroenterite neurotossica dei lattanti, negli ascessi e nei foruncoli, nell’eczema, nell’erisipela, nel giradito, nelle punture settiche, nei morsi di vipera, nella febbre puerperale, nell’osteomielite.
      Il cloruro di magnesio sembrò avere anche un buon effetto “anti-invecchiamento” poiché si dimostrò in grado di migliorare (o addirittura di prevenire) diversi disturbi tipici dell’età senile (ipertrofia prostatica, impotenza, disturbi cerebrali e circolatori, ecc.). Inoltre, applicato localmente sotto forma
      pomata, riuscì a fare inscurire (anche se non completamente) capelli e peli di barba oramai sbiancati anni, come pure riuscì a scolorire le macchie cutanee
      color ocra bruna, molto frequenti negli anziani.
    • Negli anni seguenti altri medici hanno verificato molte delle precedenti indicazioni, aggiungendone delle nuove, quali le crisi di asma, gli stati di shock ed il tetano (terapia per via endovenosa), l’herpes zoster (fuoco di Sant’Antonio) le congiuntiviti acute e croniche, le neuriti ottiche, molte forme allergiche, le malattie reumatiche, le astenie primaverili, e da ultima la neonata (per l’Italia) Sindrome da Stanchezza Cronica.
      Mentre nelle malattie acute il cloruro di magnesio procura una guarigione rapida e completa, nei disturbi cronici, spesso, l’effetto benefico del cloruro di magnesio dura soltanto finché se ne continua la somministrazione, cessando al cessare di questa.

    Alcuni dei più comuni segni che indicano la carenza di magnesio sono: emicrania, ansia, depressione, insonnia, stanchezza cronica, coaguli di sangue, contrazioni del viso, crampi alle gambe e l’osteoporosi. Prendendo la dose raccomandata di magnesio può aiutare con Alzheimer, mentre bassi livelli di magnesio nel cervello sono legati alla malattia di Parkinson.

    Alcune altre condizioni di salute cronici connessi alla carenza di magnesio possono essere il diabete di tipo 2 e sindrome metabolica, così come molti altri. Quando il corpo manca di magnesio, si inizia a produrre più insulina del necessario; il glucosio in eccesso va nelle cellule, causando infiammazione.

    Funzioni e vantaggi del magnesio

    Il magnesio può essere trovato in molte fonti diverse, soprattutto nelle verdure a foglia verde come spinaci o cavoli, in avocado, pesce, cereali integrali, noci e semi, legumi e cioccolato fondente.

    Un altro modo per aumentare i livelli di magnesio è l’assunzione di integratori, ma assicurarsi che essi hanno la migliore qualità e contengono i 4 cofattori: Malato, glicinato, Orotato e taurato, che sono facilmente assorbiti nel corpo e supportano funzioni degli organi migliore rispetto al altre forme.

    Benefici per la salute dei 4 cofattori di magnesio:

    Magnesio Glicinato: per la mente

    Il magnesio glicinato (magnesio legato con glicina, un aminoacido non essenziale) è una delle forme più biodisponibili e assorbibili di magnesio, e anche con la meno probabilità di indurre diarrea. È l’opzione più sicura per correggere una carenza a lungo termine.

    Aiuta con insonnia, ansia e irritabilità, isteria e aumenta la concentrazione
    Rilassa la mente
    depressione Treats
    Riduce pianto o intorpidimento
    Riduce effetti lassativi, senza provocare la diarrea
    Tratta deficit a lungo termine.

    Magnesio Taurato: per il cuore

    Il magnesio taurato è la migliore forma di magnesio per le persone con problemi cardiovascolari, poiché è noto per prevenire aritmie e proteggere il cuore dai danni causati dagli attacchi di cuore. Il magnesio taurato è facilmente assorbito (magnesio e taurina stabilizzano le membrane cellulari insieme), e non ha proprietà lassative.

    Previene e cura l’emicrania
    sopprime aritmia
    Supporta la funzione del cuore

    Magnesio Orotato: Per il corpo

    Il magnesio orotato deriva dalla salificazione del magnesio con acido orotico, operata per aumentare la biodisponibilità del minerale. Il legame che viene a formarsi tra magnesio ed acido orotico è particolarmente stabile; di conseguenza, il composto risulta scarsamente solubile in acqua e pressoché immune all’azione digestiva degli acidi gastrici e degli enzimi intestinali. Di conseguenza la supplementazione di magnesio orotato non esplica l’azione lassativo-osmotica tipicamente correlata all’uso dei sali di magnesio facilmente dissociabili (come il cloruro di magnesio). Nel contempo, il legame del minerale ad un composto di natura organica è ritenuto favorevole in termini di miglior biodisponibilità.

    Aumenta e migliora la formazione di DNA
    Le riparazioni del cuore
    Aumenta le prestazioni in atleti.

    Il magnesio Malato: per i muscoli

    Il malato di magnesio è una scelta fantastica per chi soffre di stanchezza, dal momento che l’acido malico – un acido della frutta naturalmente presente nella maggior parte delle cellule del corpo – è una componente essenziale di enzimi che svolgono un ruolo chiave nella sintesi di ATP e produzione di energia. Inoltre grazi all’acido malico, il magnesio malato è un potente disintossicante dai metalli pesanti. Alcuni hanno riportato che questo magnesio è ottimo per l’insonnia e la sindrome delle gambe senza riposo.

    Migliora la digestione
    Aumenta i livelli di energia
    Allevia i dolori muscolari e stanchezza
    Tratta la fibromialgia
    Allevia mal di testa e sintomi della sindrome premestruale

    Le peggiori forme di magnesio

    Ossido di magnesio – L’ossido di magnesio è la forma più comune magnesio venduto in farmacia, ma è non-chelato e possiede un tasso di assorbimento scarso rispetto a quelli sopra elencati.

    Magnesio solfato di sodio – Il solfato di magnesio, chiamato anche sale di Epsom, è un aiuto fantastico costipazione e come sali da aggiungere nella vasca da bagno, ma è una fonte non sicura di magnesio nella dieta, in quanto un’overdose è facile e può creare dei problemi.

    Magnesio glutammato e aspartato – Evitare completamente queste due forme di magnesio. L’acido glutammico e acido aspartico sono componenti del pericoloso dolcificante artificiale aspartame, ed entrambi diventano neurotossiche quando legate ad altri aminoacidi.

    La vitamina B-6  ottimizza l’assorbimento e l’assimilazione del magnesio. In presenza di alcuni problemi renali, però, il magnesio non viene più espulso, e si accumula per ciò porre attenzione e chiedere un parere medico.