Vitamina B12 previene Alzheimer e migliora la memoria

Vitamina B12 previene Alzheimer e migliora la memoria - La vitamina B12 è importantissima per la sintesi dell'emoglobina. La vitamina B12 infatti agisce in combinazione con l'acido folico per una perfetta emopoiesi. La sua carenza è pertanto simile a quella dell'acido folico e, quando è grave, produce anemia. Viene immagazzinata nel fegato dopo essere stata assorbita nell'intestino ileo grazie a recettori sensibili a un complesso B12 che si forma nello stomaco. Nel  caso di anemia perniciosa il complesso non si forma, la vitamina non viene assorbita e si genera lo stato anemico del soggetto. Anche particolari forme di gastrite possono originare il problema. La vitamina B12 aumenta il volume del cervello e migliora la memoria. Questo affermano alcuni studi.

Durante l’invecchiamento problemi di assorbimento nel tratto digestivo con conseguente scarsa captazione dai tessuti del corpo, specialmente dal cervello. I ricercatori, nella pubblicazione sulla rivista Neurology, hanno stabilito un legame definitivo tra scarsi livelli di vitamina B12 e restringimento del cervello, un causa di declino cognitivo e demenza nella malattia di Alzheimer.


B12 vitamina previene Alzheimer e migliora la memoria

L’integrazione con la forma biologicamente attiva della vitamina B può aiutare a prevenire il restringimento e conservare le capacità di apprendimento e le funzioni di memoria  nel tempo.

 Uno studio ha coinvolto 121 partecipanti provenienti da Chicago, nel Progetto la salute e invecchiamento. I pazienti  sono stati sottoposti a risonanza magnetica per immagini (MRI) per un periodo di quattro anni e mezzo. Inoltre, ad ogni membro dello studio è stato prelevato il sangue, per misurare i livelli di vitamina B12 e relativi marcatori che possono indicare una carenza di vitamina B12. Gli stessi soggetti sono stati sottoposti a prove per misurare la loro memoria e altre abilità cognitive.

I dati della risonanza magnetica sono stati analizzati per misurare il volume  totale del cervello  e cercare eventuali  segni di danno cerebrale. I test hanno incluso sette misure di memoria episodica, due misure di capacità visiva spaziale e organizzazione percettiva, due misure di velocità percettiva, due misure di memoria semantica e tre misure di memoria di lavoro. I campioni di sangue sono stati analizzati  per il controllo della vitamina B12 e  omocisteina, un sottoprodotto del metabolismo associato a demenza, declino cognitivo e malattia coronarica. Più alti  livelli di vitamina B12 migliorano le abilità cognitive e possono  aiutare a prevenire l’ictus I ricercatori hanno determinato che bassi livelli vitamina B12  o carenza sono stati associati a punteggi più bassi sui test cognitivi e più piccolo del volume totale del cervello. Indicatori di vitamina B12 insufficienti hanno  contribuito a scarsi punteggi globali dei test cognitivi e ad una diminuzione del volume del cervello, rivelato dai risultati della risonanza magnetica, rispetto a  persone  con un migliore status di vitamina B12. Elevati livelli di omocisteina erano indicativi di  aumento del rischio di eventi cerebrovascolari. Il ricercatore, Dr. Christine Tangney ha concluso "I nostri risultati suggeriscono che … la carenza di vitamina B12, può influenzare la cognizione, riducendo il volume totale del cervello .” La carenza di vitamina B12 tra gli anziani è una causa importante di preoccupazione e può benissimo essere un fattore chiave per l’esplosione di casi di malattia di Alzheimer `s nel corso degli ultimi 50 anni. I nutrizionisti raccomandano l’integrazione con la forma biologicamente attiva di vitamina B12 nota come metilcobalamina (da 1 a 5 mg al giorno assunta per via sublinguale) anche per regolare livelli circolanti di omocisteina,sostanza cerebrale critica.

La vitamina B12 aiuta a mantenere sani i nervi e le cellule del sangue ed è necessaria per il DNA, il materiale genetico in tutte le cellule. Debolezza, problemi ai nervi e all'equilibrio, ed in alcuni casi una forma di anemia (megaloblastica), possono presentarsi in caso di carenza. Avere bassi introiti di vitamina B12 può anche risultare in confusione e poca memoria. Secondo l'esperto di vitamina B12, il Dr. Irwin Rosenberg della Tufts University, "I sintomi della carenza di vitamina B12 si sovrappongono a quelli dell'Alzheimer... questo fa scaturire la domanda se simili fattori nutrizionali contribuiscano all'Alzheimer o ai suoi sintomi". Una relazione diretta tra vitamina B12 e demenza rimane ancora vaga, perché non tutti gli studi l'hanno confermata. Una nuova ricerca, comunque, suggerisce che la connessione tra B12 e cervello possa essere riconosciuta.

I ricercatori dell'Università di Oxford recentemente hanno riportato che l'integrazione di vitamina B12 in concerto con acido folico e B6 per un periodo di 2 anni "sembra rallentare il declino cognitivo e clinico nelle persone con un lieve problema cognitivo, in particolare in quelli con elevata omocisteina" (1). Troppo poca vitamina B12 può provocare un accumulo di omocisteina, ed alti livelli di questo aminoacido nel sangue sono associati ad alcuni tipi di demenza. Le persone anziane con bassi livelli di vitamina B12 possono essere maggiormente soggette a un restringimento cerebrale, secondo gli investigatori del Chicago's Rush University Medical Center. La maggior parte di noi è consapevole che le persone possono avere una riduzione di altezza con l'invecchiamento. Bene, anche il cervello si restringe naturalmente con l'invecchiamento e pare che coloro con la riduzione maggiore del volume del cervello sono i più a rischio per l'Alzheimer ed altri tipi di demenza senile. In questo studio, le persone con carenza di vitamina B12 avevano un volume del cervello più piccolo e punteggi più bassi ai test di misurazione della capacità di pensare, ragionare e della memoria(2).

Occorrono diversi anni perché si generi uno stato patologico in un individuo adulto sano che assume poca vitamina B12; infatti la vitamina B12 è un coenzima e come tale in teoria partecipa alle reazioni senza essere distrutta. Questo spiega perché molti soggetti che diventano vegani in età adulta sembrano non avere problemi. Diverso è il caso in cui il soggetto non riesca ad assorbire quantità anche minimali per problemi gastro-intestinali: bastano da sei mesi a pochi anni per evidenziare la carenza.

La vitamina B12 è presente solo in alimenti di origine animale.

Fonti preferenziali (>10 μg/100 g) sono gli organi animali e i molluschi; è presente (1-10 μg/100 g) anche nel tuorlo d'uova, nella carne e nel pollame, nel pesce nei formaggi fermentati e nel latte in polvere (il latte e latticini contengono meno di 1 mg/100 g). Contrariamente alla credenza comune e a quanto riportato da fonti vegane non esistono forme umanamente attive (cioè che l'organismo umano può utilizzare) nelle alghe come nori o spirulina.

Nello sport di resistenza si usa la vitamina B12 a supporto di terapie che dovrebbero risolvere casi di anemia. Alla base di tale strategia c'è una sostanziale ignoranza dei meccanismi che stanno alla base della formazione dei globuli rossi e la vitamina B12 viene usata insieme al ferro e all'acido folico nel tentativo ottimistico di guarire un'anemia senza prima capirne i motivi.

loading...