Metalli pesanti: Come eliminare i metalli pesanti in modo naturale

Metalli pesanti: Come eliminare i metalli pesanti in modo naturale - I metalli pesanti e altre tossine sempre di più minacciano la nostra salute. Recenti studi hanno scoperto che oggi abbiamo la concentrazione aumentata da 400 a 1.000 volte nelle ossa nei ultimi 400 anni. Questo ha gravi effetti sullo sviluppo cerebrale e mentale dei bambini, in particolare nella formazione dell'intelligenza.

Metalli pesanti DETOX naturale

Come eliminare i metalli pesanti in modo naturale

"Cercate la origine della malattia"

"Non coprire i sintomi con i farmaci"
"Prendere in considerazione l'intero paziente"
"Meglio pagare per il mantenimento della salute, che per curare la malattia", tra molti altri sintomi di avvelenamento da piombo, che provoca un disturbo della formazione del sangue e, quindi, la leucemia e l'anemia, insufficienza renale e malattie neurologiche. I metalli pesanti più importanti in termini di salute sono il mercurio, piombo, cadmio, nichel e zinco. Alcuni elementi intermedi quali arsenico e alluminio, che sono molto rilevanti dal punto di vista tossicologico, sono di solito studiati insieme. Medico Dietrich Klinghardt MD, Ph.D., che sta indagando, insieme ad altri scienziati per la disintossicazione da metalli pesanti da 30 anni, ha sviluppato un metodo di disintossicazione molto efficace tra i rimedi naturali. Si è scoperto che, quando il corpo elimina il mercurio ed altri metalli tossici è la causa del rilascio di trasporto assonale nelle cellule nervose. All'interno di queste cellule, la colonnina di mercurio sta distruggendo microtubuli, inibendo quindi l'eliminazione delle tossine e altri rifiuti. Quindi voglio trattare specificamente il mercurio, che è anche il metallo tossico più studiato.

Le fonti di metalli pesanti

Le principali fonti di mercurio sono: pesce (a causa dell'inquinamento dei mari); insetticidi (in genere contenenti uno o due metalli pesanti che penetrano nella catena alimentare); 'sicuro' acqua (si deve presumere che tutta l'acqua contiene elementi tossici meno che non sia stabilita ); alcuni farmaci (in particolare quelli che disciplinano la pressione alta e il tetano); e l'inquinamento atmosferico da parte dell'industria e automobili (per la tecnologia di combustione). Un'altra importante fonte di mercurio viene trasferito dalla madre al feto attraverso la placenta al bambino attraverso il latte materno da processi ormonali. Attraverso questi processi, la madre passa dal 40 al 60% della sua carica al bambino.

Ma la più grande quantità entra nel nostro corpo per otturazioni dentali. L'amalgama usato contiene in genere il 50% di mercurio.

Come il mercurio entra nel corpo e dove si trova?

Il mercurio è l'unico metallo volatile; assorbito attraverso i polmoni e la pelle. Mercurio inalato dal corpo si assorbe nel 82%, ponendo gran parte nel sistema nervoso, mentre ingerito accumula solo il 7%. Così la respirazione è la fonte più pericolosa.

E 'noto che dopo aver mangiato il livello di mercurio nel sangue aumenta nelle persone con otturazioni in amalgama a causa degli ioni di mercurio che vengono rilasciati. Questi vengono prima assorbiti dalla saliva attraverso il sistema digestivo e raggiungono il sangue, che può essere misurata. In questa fosse della salivazione il consumo di acqua è vietata. Molte volte, almeno due ore dopo aver mangiato, le persone con 8 otturazioni hanno da 100 a 200 volte più mercurio in aria espirazione di ciò che è permesso in impianti industriali. Questi vapori sono in parte prese attraverso le vie respiratorie. Passano nel flusso sanguigno, dove una parte del vapore di mercurio viene convertita in ossido di mercurio, una forma della più tossico vapore di mercurio. E dal momento che organi come il fegato, la bile, il cuore e il lavoro dei reni come un filtro del sangue, è qui principalmente sono soggetti a depositare il metallo tossico.

Oltre a questi vapori di mercurio trasferiti senza difficoltà nella barriera emato-encefalica raggiunge direttamente il cervello, il loro modo di distruggere questa barriera, che facilita l'ingresso di altre tossine che normalmente non possono entrare. Queste tossine causano stessi sintomi che non hanno nulla a che fare con l'avvelenamento da mercurio, ma facilitano indirettamente suo assorbimento. Quasi tutte note malattie del sistema nervoso sono principalmente causati dal mercurio nel cervello,  i veleni e infezioni secondarie al cervello e  difettosa barriera emato-encefalica. Ciò significa che per il trattamento di rimozione delle malattie neurologiche mercurio è essenziale per stabilizzare il funzionamento della barriera emato-encefalica, inibendo così entrata di agenti patogeni.

In alcuni studi sono stati marcati con sostanze radioattive le pecore e le scimmie per vedere quando la colonnina di mercurio scende. Dopo 4 settimane questo metallo è stato trovato nei reni, il fegato, le ghiandole surrenali, del tratto gastrointestinale, ipotalamo, ipofisi, sistema limbico, tiroide, gangli spinali, midollo spinale e nel cervello. Dopo 6 mesi, la funzione renale è stato ridotta del 60%. Un anno dopo di aver ridotto l'onere di mercurio, al contrario, questo era aumentata. Dopo aver rimosso le otturazioni nessun importo è stato ridotto. Questo significa che una volta avvelenati – si resta avvelenati per sempre.

 

Quando le particelle di amalgama masticato vengono rilasciati vengono inghiottiti. Flora intestinale naturale trasforma queste particelle in vapore di mercurio in forma più pericolosa di metallo: mercurio metile (50 volte più velenoso). Questo processo è chiamato metilazione. Numerosi esperimenti e studi confermano questo processo; Egli è ancora usato da molti dentisti e medici. Dal momento che il metil mercurio nell'intestino passa nel flusso sanguigno e, infine, agli organi e dei nervi. Gran parte del mercurio è fissato anche sulle ossa e le articolazioni. Mercurio si diffonde anche attraverso le gengive, radici dei denti e si mascella al sistema nervoso centrale e il cervello (entro 48 ore). Il nervo trigemino è morto con pieno di otturazioni di mercurio, argento e stagno (cause digrignamento dei denti).

Effetti dei principali metalli tossici

  • Allumino: danni al sistema nervoso centrale, demenza, perdita di memoria, autismo.
  • Antimonio: danni cardiaci, diarrea, vomito, ulcera allo stomaco.
  • Arsenico: cancro linfatico, cancro al fegato, cancro della pelle.
  • Bario: ipertensione, paralisi.
  • Bismuto: dermatite, stomatite ulcerosa, diarrea.
  • Cadmio: diarrea, dolori di stomaco, vomito, fratture ossee, danni immunitari, disordini psicologici, tumore.
  • Cromo: danni ai reni e al fegato, problemi respiratori, cancro polmonare.
  • Rame: irritazioni al naso, bocca ed occhi; cirrosi epatica, danni al cervello e ai reni. Emicranie croniche
  • Gallio: irritazione alla gola, difficoltà respiratorie, dolori alla cassa toracica.
  • Afnio: irritazione agli occhi, alla pelle e alle mucose.
  • Indio: danni al cuore, reni e fegato.
  • Iridio: irritazione agli occhi e al tratto digestivo.
  • Lantanio: cancro polmonare, danni al fegato.
  • Piombo: danni al cervello, disfunzioni alla nascita, danni ai reni, difficoltà di apprendimento, distruzione del sistema nervoso.
  • Manganese : turbe alla coagulazione del sangue, intolleranza al glucosio, disordini allo scheletro.
  • Mercurio: distruzione del sistema nervoso, danni al cervello, danni al DNA.
  • Nickel: embolia polmonare, difficoltà respiratorie, asma e bronchite cronica, reazione allergiche della pelle.
  • Palladio: altamente tossico e cancerogeno, irritante per le mucose.
  • Platino: alterazioni del DNA, cancro, danni all’intestino e reni.
  • Rodio: macchie alla pelle, potenzialmente tossico e sospetto cancerogeno.
  • Rutenio: altamente tossico e cancerogeno, danni alle ossa.
  • Scandio: embolia polmonare, danni al fegato.
  • Stronzio: cancro ai polmoni, nei bambini difficoltà di sviluppo delle ossa.
  • Tantalio: irritazione agli occhi e alla pelle, lesione del tratto respiratorio superiore.
  • Tallio: danni allo stomaco, al sistema nervoso, coma e morte, per chi sopravvive al Tallio rimangono danni al sistema nervoso e paralisi.
  • Stagno: irritazione agli occhi e alla pelle, emicrania, dolori di stomaco, difficoltà ad urinare.
  • Tungsteno: danni alle mucose e alle membrane, irritazione agli occhi.
  • Vanadio: disturbi cardiaci e cardiovascolari, infiammazioni allo stomaco ed intestino.
  • Ittrio : altamente tossico, cancro ai polmoni, embolia polmonare, danni al fegato.[...]

Effetti collaterali di mercurio e cause di malattie

Il professore di chimica rinomato dottor Alfred Stock, direttore dell'Istituto Max-Planck di Berlino, ha dimostrato in diversi esperimenti che Mercurio esce dalle otturazioni in amalgama e può essere accettato dal corpo. Egli ha detto: "Non c'è dubbio che molti sintomi, tra cui la stanchezza, depressione, irritabilità, vertigini, amnesia, infiammazione orale, diarrea, mancanza di appetito, catarri cronici (infiammazione della mucosa) sono spesso causati dal mercurio nel corpo esposto dalle otturazioni in amalgama, in piccole ma continue quantità. I medici dovrebbero prestare seria attenzione a questo fatto. Quindi probabilmente si è constatati che l'uso sconsiderato dell'amalgama come ripieno dentale eè un grave crimine contro l'umanità. "(1926)

I principali e primi sintomi di avvelenamento da mercurio sono: lieve depressione, tremori, mani e piedi freddi, disturbi del sonno, rigidità, colesterolo alto, perdita di memoria, stanchezza, problemi articolari. Ci sono molti di più.

I seguenti sintomi sono tratti dal libro: "Mercurio e suoi effetti sull'ambiente e biologia Astrid Sigel & Helmut"

Effetti psichici:

L'ansia, instabilità emotiva, la timidezza, la sindrome da stanchezza (cronica), compromissione della memoria, disturbi del sonno, depressione, tendenza al suicidio, perdita di fiducia in se stessi, negatività, nervosismo, mancanza di incentivi, mancanza di energia, la passività, dipendenze, procrastinazione, eccitabilità, epilessia, iperattività nei bambini, autismo, diminuzione della reattività, sclerosi multipla, Parkinson, Alzheimer ...

Effetti fisici:

Mani e piedi freddi, sudorazione notturna, dolore cronico, mal di testa, perdita di appetito, peso elevato e basso, herpes (no no Hg.), Il morbo di Alzheimer (Hg. + Al.), Disturbi della fertilità, costipazione , problemi articolari (dolore), perdita di capelli, impotenza, artrite, gusto metallico in bocca, debolezza generale, di resistenza agli antibiotici, anemia, asma, pressione alta, pelle eczema, squilibri ormonali, colesterolo alto, problemi udito, problemi di visione, la suscettibilità alle infezioni, malattie del fegato (uso limitato), malattie renali (uso limitato), dislessia, palpitazioni bocca, neurodermite, mal di schiena, sistema immunitario debole, tremore alle mani , sanguinamento delle gengive, ulcere della bocca, glaucoma, malattie intestinali, malattie dello stomaco, aritmia cardiaca, sensibilità alimentari, malattie virali, malattie fungine, candida, il lupus, allergie, disturbi della funzione tiroidea, vertigini, sudorazione abbondante, sciatica (dolore costante), mal di schiena, colite, cancro, malattie delle ghiandole surrenali, reumatismi, digrignamento dei denti, morbo di crohn ...

Poiché i metalli pesanti si comportano come antenne per l'inquinamento elettromagnetico consiglia il dottor Klinghardt nei casi causati da metalli pesanti stare in luoghi dove c'è poca o nessuna radiazione (in cui i telefoni cellulari non sono coperti).

Come abbiamo visto mercurio si trova in diverse parti del corpo umano. Colpisce soprattutto organi come il fegato, i reni e il cuore, causando diversi cambiamenti. Ma colpisce anche le articolazioni, tratto gastrointestinale, ossa, sangue e soprattutto l'intero sistema nervoso cervello compreso. Molti sintomi che sono legati al mercurio, ma non direttamente causati dallo stesso, a causa della rottura della barriera emato-encefalica. Nelle cellule nervose mercurio è responsabile della distruzione parziale dei microtubuli, inibendo così il corretto trasporto assonale. Così queste cellule non possono sbarazzarsi di altre neurotossine e altri detriti. Questo provoca cambiamenti emotivi (sistema limbico), disturbi del sistema uditivo e visivo e altri sintomi del sistema nervoso non sono sempre causati dal mercurio stesso. Nello spazio intracellulare mercurio provoca danni ai mitocondri, le nostre fabbriche di energia (stanchezza).

In alcuni studi (Vimy e Lorscheider) si poteva vedere che i microrganismi sono costantemente in contatto con il mercurio in bocca, non solo sviluppano una resistenza contro di essa, ma anche contro gli antibiotici. I meccanismi di come funziona non è ancora noto. Oltre a questi microrganismi fuori plasmidi, DNA extracellulare, lasciando l'aria di scadenza, causando la stessa resistenza negli altri esseri viventi. La resistenza agli antibiotici è un grosso ostacolo nella medicina moderna oggi.

Il trasferimento di mercurio dalla madre al feto, che al bambino provoca un ritardo della crescita del tessuto nervoso, cervello più piccolo, minore peso corporeo e un sistema immunitario incompleto. Ciò significa che il potenziale genetico di bambini che crescono in queste condizioni è probabile  meno evoluto (sembra anche correlato all'autismo). Con i metodi di disintossicazione il ritardo può essere recuperato nel primo anno di vita.

Tra gli scienziati che lavorano su questi temi è ipotizzato che molti tumori e malattie infettive sono il tentativo del corpo di immobilizzare neurotossine che tutti noi abbiamo nel nostro corpo (Yoshiaki Omura). Nel centro di molti tumori sono stati trovati livelli elevati di neurotossine, in particolare mercurio. Inoltre, malattie causate da streptococco, stafilococco, candida e l'herpes sono legati alla avvelenamento da metalli pesanti. Sembra che molte cure o miglioramenti di queste malattie si ottiene attraverso la disintossicazione da metalli pesanti.

Diagnosi e disintossicazione. Terapia chelante

Le quantità di mercurio nel corpo non può essere misurata con analisi del sangue o capelli. Il mercurio è rapidamente fissato in diverse parti del nostro corpo di cui sopra, e rimanere lì; non è spontaneamente rilasciato. Quindi sei settimane dopo l'immissione di amalgama, alti livelli di questo metallo prodotto da questo trattamento sono quasi completamente scomparsi le grandi quantità e nelle feci, urina, sangue o capelli non si può rilevare.

La procedura standard per la rimozione dei metalli pesanti del corpo è detta”CHELAZIONE.”Tutto è compiuto con la somministrazione di un agente chelante – solitamente acido dimercaptosuccinico (DMSA) oppure acido etilendiaminotetraacetico (EDTA)per “chelare”, e cioè “afferrare”, come con le chele di un granchio, i metalli velenosi e poi portarli fuori dall’organismo, che si lega ai metalli pesanti residenti nello organismo facilitandone la naturale espulsione.

Nonostante il nome complicato, l’EDTA è una sostanza abbastanza innocua e naturale, simile all’aceto, che non viene comunque assimilata ma viene completamente eliminata dall’organismo, portando fuori con sé le sostanze tossiche chelate.

I principali svantaggi sono gli effetti collaterali che puliscono solo i metalli dai tessuti ma non del sistema nervoso.

Nella disintossicazione con rimedi naturali viene utilizzato zeolite, bentonite, curcuma, l'aglio, alga clorella, coriandolo e spirulina.

Prendendo questi rimedi si può misurare le tossine nelle feci. Poiché i metalli passano dai tessuti al sangue; prima di essere assorbite dal Chlorella, possono essere rilevati anche nei capelli. È molto importante capire questi processi. Per la diagnosi di avvelenamento da metalli pesanti è conveniente capire, con particolare attenzione il numero di otturazioni, ora o prima (anche dalla madre), il consumo di pesce e di altri fattori ambientali come avere la residenza nei pressi di industrie inquinanti ( p. es. inceneritori di rifiuti o altro). Anche i sintomi di cui sopra, come la diminuzione della memoria a breve termine, insegnano un possibile avvelenamento da metalli pesanti. In particolare il livello di colesterolo alto, come il corpo in  cerca di mercurio. Un altra possibile diagnosi è data dalla kinesiologia.

Chlorella ha due effetti: si mobilita e assorbe metalli pesanti e altre tossine, come p. ad es. diossina, soprattutto negli spazi extracellulari, si elimina dal corpo con le feci. Oltre che per diversi altri effetti benefici, la chlorella è un’alga conosciuta per le sue proprietà disintossicanti da tutti i metalli tossici e le tossine ambientali. Questo la rende perfetta per affiancare il coriandolo in una cura disintossicante. Coriandolo è in grado di mobilitare molti spazi intracellulari tossici, in particolare le cellule nervose e le ossa. Recenti studi su animali dimostrano che coriandolo fa una rapida mobilitazione di alluminio e piombo nel cervello e scheletro superiore a qualsiasi altro rimedio. Mentre l'animale è stato continuamente avvelenato con il contenuto di metallo di alluminio nelle ossa diminuisce in modo significativo durante il periodo di osservazione. Per eliminare le tossine mobilitate dal coriandolo è un must di prendere clorella in quantità sufficienti per inibire il riassorbimento delle sostanze rilasciate. L'aglio selvatico protegge i globuli rossi e bianchi contro il danno ossidativo, causato da metalli pesanti sulla loro uscita. Ha anche proprietà disintossicanti. Oltre aglio selvatico che contiene la più importante protezione contro la tossicità del mercurio minerale: è il selenio bioattivo. È molto importante dosare correttamente i prodotti per inibire il riassorbimento di tossine, che possono causare un peggioramento di varie malattie.

Le sostanze naturali per la chelazione

Alga clorella
Si tratta di una specie di alga d’acqua dolce che ha dimostrato di possedere proprietà disintossicanti. Agisce come una resina a scambio ionico e ha un buon effetto nel legare i metalli nello stomaco,ma non è altrettanto efficace nel mobilitarli ed espellerli dall’organismo. A causa della sua struttura non sufficientemente sottile, non raggiunge i metalli intracellulari e non attraversa la barriera emato-encefalica (non raggiunge il cervello). Può essere usata anche come una fonte significativa di nutrienti come vitamine, amminoacidi, acidi grassi e minerali.

Coriandolo (Coriandrum sativum)
Chiamata anche cilantro, si tratta di una pianta che riesce a estrarre i metalli dai tessuti nei quali sono depositati, ma una volta estratti questi metalli rimangono in circolazione e non vengono efficacemente espulsi dall’organismo. È quindi necessario abbinare il coriandolo ad altre sostanze chelanti più efficaci per questa espulsione.
Nell’utilizzo terapeutico di questa pianta vi è però il vantaggio che essa attraversa la barriera emato-encefalica grazie a uno dei suoi componenti, il mercaptano, ed è quindi adatta in particolare per la chelazione del sistema nervoso centrale. È stata oggetto di studi in particolare, fin dal 1995, da parte del giapponese dottor Yoshiaki Omura*.

Selenio
Soprattutto nella sua forma organica è efficace nel chelare il mercurio, ma non altri metalli. È inoltre indicato in casi di affezioni alla tiroide di natura autoimmune. Trattasi di un metallo pesante che potrebbe diventare “tossico” in base al dosaggio. Per ottenere l’effetto terapeutico desiderato, il dosaggio non dev’essere né troppo alto né troppo basso.

Crusca di riso (IP6)
È efficace in particolare per chelare il ferro. Nella parte relativa ai problemi causati dai vari metalli ho parlato anche del problema del ferro (vedi p. 53). Questo metallo, nella dose giusta è infatti di importanza vitale per l’organismo, ma può provocare dei problemi quando è presente in quantità anche non di troppo superiori al necessario, e non tali da raggiungere i livelli che si vedono in chi soffre di emocromatosi (malattia geneticamente trasmessa nella quale si verificano, a meno che non venga diagnosticata e trattata con flebotomie, degli accumuli eccessivi di ferro prima nel fegato e poi negli altri organi).
L’effetto chelante della crusca di riso è confermato anche dalle grandi proprietà risanatrici che si riscontrano nell’inositolo (inositoloesafosfato), sostanza in essa presente in quantità significative.
Esso ha appunto notevoli qualità di chelazione specifica nei confronti del ferro. Sarà una coincidenza il fatto che i giapponesi, che hanno una lunghezza media di vita tra le più elevate, fanno un largo consumo di riso? E tra l’altro, una sostanza basata soprattutto
sulla crusca di riso (elaborata con procedure tali da renderla più assimilabile) è il costituente principale di un preparato, l’MGN-3-Biobran, prodotto dall’azienda farmaceutica Daiwa in Giappone. Questo, a quanto pare, sta dando ottimi risultati contro
i tumori. Negli studi (vedi in calce al paragrafo) effettuati su tale sostanza si osserva che, dato che le cellule tumorali utilizzano il ferro come un fattore di crescita primario, i ricercatori in campo oncologico hanno cercato di mettere a punto un farmaco che riuscisse a chelare molecole di ferro e a rimuoverle dal corpo, arrivando così a produrre un antitumorale potenzialmente efficace.
Ricercatori della Wake Forest University, negli USA, osservano che «le sostanze chelanti del ferro possono essere importanti come agenti terapeutici nel trattamento del cancro. È possibile che l’azione terapeutica sia dovuta a una diminuzione del carico di ferro».
Come si sta ora accertando, questa sostanza naturale, l’IP6, tratta dalla crusca di riso ed efficace per chelare il ferro, sembra dirigere la maggior parte della sua attenzione proprio alle cellule anormali, rimuovendo selettivamente il ferro da quelle tumorali, privandole così del loro fattore di crescita primario. L’IP6 non rimuove invece il ferro dai globuli rossi, poiché il ferro nel sangue è strettamente legato all’emoglobina. A differenza di quanto accade con vari farmaci, le cellule sane non risentono quindi alcun effetto negativo da parte dell’IP6. Ci sono stati numerosi studi su animali che hanno dimostrato che l’IP6 è una sostanza con effetti antitumorali, efficace
e non-tossica. Ciò nonostante, negli USA il National Cancer Institute non ha a tutt’oggi ritenuto opportuno condurre una sperimentazione clinica sull’uomo attinente all’argomento.
Sono invece state condotte molte sperimentazioni in Giappone, in relazione a una forma modificata di crusca di riso, in cui questa crusca è stata resa più assimilabile, con l’aggiunta di estratti del fungo giapponese shiitake. Su questo preparato vi è una lunga serie di studi che ne dimostra l’efficacia non solo per i tumori ma anche per il diabete.
Probabilmente questi eccezionali effetti della crusca di riso modificata sono dovuti non solo alle proprietà di chelazione del ferro ma anche alla rimozione di altri metalli e sostanze tossiche.

Metil-sulfonil-metano (MSM)
L’MSM contiene zolfo e si trova in frutta, verdura, pesce e carne. L’organismo cerca di incorporare lo zolfo nelle cellule nel modo più naturale possibile, in quanto esso agisce a livello della permeabilità delle membrane cellulari, favorendo così processi metabolici di disintossicazione.
Purtroppo la lavorazione degli alimenti distrugge l’MSM e potrebbe quindi essere utile prenderlo sotto forma di integratore.

Acido alfa-lipoico
L’acido alfa-lipoico, in particolare nella sua forma più attiva (acido R-lipoico), lega i metalli tossici intracellulari e aumenta i livelli di glutatione. È solubile nei lipidi, nell’acqua e supera la barriera ematoencefalica, il che lo rende utile per rimuovere i metalli tossici dal sistema nervoso centrale.

Taurina
Questo amminoacido aumenta l’escrezione biliare, protegge la retina, i reni, i polmoni, il cuore e i globuli bianchi (in particolare ineutrofili). Sembra funzionare (ci vorrebbe un maggior numero di studi) come neuromodulatore e antiossidante protettivo del sistema nervoso centrale, in cui è presente in grandi quantità in condizioni fisiologiche. I livelli di taurina possono essere bassi in soggetti con intossicazione da piombo. La taurina protegge i vari tessuti sopra citati dai danni derivanti dai radicali liberi causati da metalli tossici. Si è visto che la taurina ha anche dimostrato un’efficacia nell’aumentare la secrezione di metalli tossici nella bile.

L-glutammina
Si tratta di un altro amminoacido che protegge il sistema gastrointestinale ed è anche coinvolto nella disintossicazione dall’ammoniaca la quale, riducendo la produzione di ATP, interferisce con le reazioni di disintossicazione, che tra l’altro dipendono anche da un’adeguata presenza della stessa ATP. La glutammina è un substrato per il glutatione, e sia i livelli di glutammina che quelli di glutatione possono essere ridotti in soggetti affetti da un’intossicazione cronica da piombo.

Vitamina C (acido ascorbico)
Tra i vari effetti benefici della vitamina C vi è anche quello consistente nell’aumento dell’escrezione di metalli tossici nell’intestino e nella protezione contro i danni da radicali liberi. Questa vitamina potenzia peraltro l’assimilazione di minerali essenziali, tra i quali il ferro, per cui può non essere indicata, in alte dosi, in chi ha un eccesso di ferro**.

Acido malico (tratto dalle mele)
Un chelante supplementare è il magnesio malato, un acido organico
tratto dalle mele. È un elemento importante nel ciclo di Krebs e supporta l’ossigenazione del tessuto muscolare.

…e infine
La lista delle sostanze con effetto chelante/disintossicante non è lunga quanto quella delle sostanze tossiche, ma tuttavia c’è un minimo
di scelta:
• Allicina (estratta dall’aglio).
• Alga spirulina.
• Alga klamath.
• Varie sostanze e prodotti dell’omotossicologia.
Ma la lista si allunga ogni giorno. Così, ad esempio, emerge sempre
di più il fatto che le proprietà benefiche di molte piante, da sempre
usate nella medicina fitoterapica, sono dovute in buona parte anche alla loro capacità di liberare l’organismo dai metalli tossici.

Attenzione: Devi solo usare la clorella priva di tossine (garanzia del produttore).

Per riparare i danni causati da tossine nel sistema nervoso è necessario prendere clorella in quantità sufficienti.

Questo articolo si basa su studi e convegni medici di Dietrich Klinghardt MD, Ph.D., che molti anni ha indagando su questi problemi favoriti anche dal quasi 10.000 relativi studi di tossicità del mercurio. Dr. Klinghardt ha studiato medicina e psicologia. Ha anche la formazione in omeopatia classica e l'agopuntura. Ha eseguito in una clinica i pazienti con dolore cronico negli Stati Uniti per 12 anni. Dr. Klinghardt spesso si sentiva deluso dai trattamenti naturali perché la loro efficacia in molti casi era scarsa. Dopo che i pazienti si sono disintossicati, con sua grande sorpresa, tutti i trattamenti naturali hanno cominciato a lavorate molto meglio, a causa della rimozione di focolai di tossine che, direttamente o indirettamente, causavano un ambiente patogeno che li circonda. Come risultato di questa scoperta torna a sentirsi gratificato con la sua opera medica per essere in grado di effettivamente curare i pazienti e il migliorare loro tenore di vita. Quindi, al lavoro solo in via eccezionale ha usato farmaci convenzionali.

In Europa del Nord e gli Stati Uniti ci sono molte persone che si dedicano alla disintossicazione dei metalli pesanti e altre neurotossine, mentre qui è quasi impossibile ottenere informazioni affidabili. Ciò è dovuto in parte a nessun interesse da parte dell'industria farmaceutica, che non può fare i soldi con la disintossicazione, è impossibile ottenere brevetti per i rimedi naturali. Secondo il dottor Klinghardt tutte le malattie che durano più di sei settimane sono legati all'avvelenamento da metalli pesanti o altre tossine. Una disintossicazione è molto più conveniente rispetto all'acquisto di farmaci per tutta la vita. Questi ricercatori hanno curato molti casi di morbo di Alzheimer, il Parkinson, la sclerosi multipla, l'autismo e altre malattie gravi con cui l'industria farmaceutica guadagna molti milioni di euro in trattamenti.

loading...