L'aumento della resistenza agli antibiotici rispolverata la terapia dei fagi.

La resistenza agli antibiotici non è nuova. Anche se molti antibiotici sono stati sviluppati nel corso degli anni, i batteri sono riusciti a sviluppare meccanismi per eluderle. La crescente minaccia della resistenza agli antibiotici esistenti è stata il driver principale del rinnovato interesse per lo sviluppo batteriofago ("fagi").

Si stima che circa 900.000 infezioni resistenti si verifica negli ospedali ogni anno, uccidendo 63.000 pazienti  (circa 173 pazienti al giorno). Ogni anno, i risultati di resistenza agli antibiotici in più di 8 milioni di giorni di ospedalizzazione aggiungendo più di $ 20 miliardi di dollari per i costi sanitari degli Stati Uniti.

Resistenza agli antibiotici  riaccende interesse la terapia dei fagi

Resistenza agli antibiotici riaccende interesse la terapia dei fagi

Il fenomeno di resistenza è aumentato drammaticamente negli ultimi 10 o 15 anni. uso eccessivo diffusa e scarsa compliance sono le ragioni principali di questa crescente prevalenza di infezioni MDR.

La batteriofago terapia, conosciuta anche come terapia dei fagi, è ‘stata usata come un trattamento efficace contro le infezioni batteriche per quasi 100 anni. E’ stata abbandonata già negli anni 1950 e 1960, quando i farmaci antibiotici arrivarono sulla scena. La scienza ha dimostrato più volte che questa terapia è utile per il trattamento dello Staphylococcus aureus resistente alla meticillina (MRSA) e vari altri batteri resistenti agli antibiotici. I batteriofagi, che sono fondamentalmente i virus che infettano e si replicano all’interno di batteri nocivi al fine di distruggerli, funzionano meglio di antibiotici e di solito non aiutano i batteri a trasformarsi e mutare.

Virus disattivati per distruggere i batteri nocivi

Scoperti da due microbiologi francesi già negli tardo 1910, i batteriofagi, o “mangiatori di batteri”, operano per infettare i batteri nocivi con i virus disattivati che essenzialmente li distruggono dall’interno verso l’esterno. A differenza degli antibiotici, la batteriofago terapia funziona meglio quando viene personalizzata per essere indirizzata solo verso batteri specifici, il che è particolarmente importante per la protezione di benefici batteri probiotici nell’intestino, a volte danneggiati dalla tradizionale terapia antibiotica. “Dal punto di vista terapeutico … terapia dei fagi può eliminare l’infezione di un paziente senza compromettere la comunità di batteri benefici del corpo “, spiega uno studio del 2012 sulla terapia dei fagi e pubblicato online sulla rivista Frontiers in Microbiologia . “In questa luce, la terapia dei fagi rappresenta una sorta di ‘bomba intelligente” biomedica, che colpisce solo un target specifico, riducendo al minimo i danni collaterali, che sono comunque estremamente rari.

La terapia dei fagi rispolverata dopo essere stata scartata in favore degli antibiotici

Tuttavia, poiché la terapia dei fagi non è così facile da gestire come gli antibiotici, l’uso improprio ha portato alla sua scomparsa graduale e eventuale sostituzione con antibiotici. Difettosi studi clinici hanno prodotto risultati contrastanti sulla terapia dei fagi, e l’emergere di antibiotici, che inizialmente sembravano essere un’ infallibile cura per le infezioni batteriche, ha del tutto eliminato l’uso della terapia dei fagi. Ma ora che gli antibiotici stanno dimostrando di comportare una diffusa resistenza nei virus, in tutto il mondo, la terapia dei fagi sta nuovamente guadagnando consenso come cura legittima per le infezioni batteriche. I medici e gli operatori sanitari legittimamente interessati a trovare una cura contro i “superbatteri”, stanno riconoscendo che la terapia dei fagi contiene molte promesse e che la FDA ha bisogno di rivedere la sua posizione discriminatoria nei confronti di questa terapia sicura ed efficace.

. “A suo modo, la terapia dei fagi è una forma di medicina personalizzata, perché i fagi specifici (di solito più fagi uniti in un cocktail polivalente) sono accuratamente selezionati per trattare l’infezione batterica specifica di un paziente “, dichiarano i ricercatori in Frontiere in Microbiologia. “Le percentuali di successo di questi fagi su misura, sono da cinque a sei volte superiori a quelle prodotte da fago standardizzati, quindi l’uso di cocktail di fagi personalizzati è storicamente efficace per un trattamento.” Una delle voci più importanti nella promozione della terapia dei fagi oggi è Grazia Filby, amica di Winston Churchill che ha visitato i laboratori della terapia fagica nella Repubblica di Georgia, Polonia, e negli altri luoghi dove la terapia è ancora in uso. Sulla base della sua analisi in corso, la terapia dei fagi contiene la risposta alla cura per MRSA e altri batteri antibiotico-resistenti e merita di essere presa di nuovo in considerazione dai medici.

loading...