La vitamina B 12 : Pericoli della carenza - gastrite anemia cancro e demenza

La vitamina B 12 o cobalamina gioca un ruolo essenziale in  metabolismo dei folati e nella sintesi del ciclo dell'acido citrico intermedio, succinil-CoA.
Vitamina B 12 è comunemente associata con l'infiammazione cronica allo stomaco,  può contribuire a un autoimmune sindrome di vitamina B 12 di malassorbimento chiamato anemia perniciosa e ad una sindrome da malassorbimento di vitamina B 12 dei alimenti. Perdite di valore di assorbimento di vitamina B 12 può causare anemia megaloblastica e disturbi neurologici in soggetti carenti.
Normale funzione del sistema digestivo necessario per alimentare è legato alla vitamina B 12 l'assorbimento è comunemente compromesso nei soggetti di oltre 60 anni di età, mettendoli a rischio di carenza di vitamina B 12.
La vitamina B 12 e folati sono importanti per il metabolismo di omocisteina . Elevati livelli di omocisteina nel sangue sono un fattore di rischio per la malattia cardiovascolare (CVD). Anche se la supplementazione di vitamina B si è dimostrato efficace per controllare i livelli di omocisteina, i dati correnti provenienti da studi di intervento non hanno dimostrato che l'abbassamento dei livelli di omocisteina diminuiscono il rischio cardiovascolare.

La vitamina B 12


La integrità di conservazione del DNA dipende dai folati e la disponibilità della vitamina B 12. La scarsa vitamina B 12  è stata collegata a un aumentato del rischio di cancro al seno in alcuni sogetti, ma non tutti, gli studi . Vi è la necessità di valutare se supplementi di vitamina B 12, insieme con acido folico, potrebbero contribuire a ridurre l'incidenza del cancro al seno.
Bassi livelli di vitamina materna B 12 è stata associata ad un aumentato di rischio di difetti del tubo neurale (NTD), ma non è noto se la supplementazione della vitamina B 12  potrebbe contribuire a ridurre il rischio di NTD.
La vitamina B 12 è essenziale per il mantenimento della guaina mielina attorno ai neuroni e per la sintesi di neurotrasmettitori . Mentre iperomocisteinemia può aumentare il rischio cognitivo , ma non è ancora chiaro se la carenza di vitamina B 12 contribuisce al rischio di demenza negli anziani. Anche se la supplementazione di vitamina B riduce i livelli di omocisteina nei soggetti più anziani, il beneficio a lungo termine non è ancora noto.
Sia la depressione e l'osteoporosi sono stati collegati e diminuiti con ottimali livelli di vitamina B 12 e di alta omocisteina.
Prodotti di origine animale costituiscono la fonte primaria di vitamina B 12. Individui più anziani e vegani  si consiglia di utilizzare alimenti fortificati di B 12 e integratori per soddisfare le loro esigenze.
L'uso a lungo termine di alcuni farmaci, come gli inibitori della secrezione di acidità dello stomaco, possono influenzare negativamente l' assorbimento della vitamina B 12 .
La vitamina B 12 è la più grande e complessa struttura chimica di tutte le vitamine . È unica tra le vitamine che contiene un metallo ione , cobalto. Per questo motivo cobalamina è il termine usato per riferirsi a composti aventi dell'attività di vitamina B 12. Metilcobalamina e 5--deoxyadenosylcobalamin sono le forme di vitamina B 12 utilizzati nel corpo umano  . La forma di cobalamina utilizzata negli integratori alimentari e alimenti arricchiti, cianocobalamina, viene facilmente convertita in 5--deoxyadenosylcobalamin e metilcobalamina nel corpo. Nei mammiferi, cobalamina è un cofattore per soli due enzimi , metionina sintetasi e L-methylmalonyl-coenzima A mutasi .

Funzione della vitamina B12

Cofattore di sintasi per metionina

Methylcobalamin è necessario per il funzionamento del enzima folato-dipendente , metionina sintetasi. Questo enzima è necessario per la sintesi del amminoacido , metionina , da omocisteina . Metionina a sua volta è necessaria per la sintesi di S-adenosilmetionina, un donatore di gruppo metilico utilizzato in molti reazioni biologici di metilazione , compresa la metilazione di un certo numero di siti all'interno di DNA , RNA e proteine . Metilazione aberrante di DNA e proteine, che provoca alterazioni della cromatina struttura e l'espressione genica , sono una caratteristica comune di cancro cellule. La funzione inadeguata di sintasi di metionina può portare ad un accumulo di omocisteina, che è stata associato ad un aumentato di rischio di malattie cardiovascolari

La vitamina B12 e  metabolismo di omocisteina. Metionina sintasi E un enzima B12-Dipendente della vitamina che catalizza la formazione della metionina da omocisteina usando 5-metiltetraidrofolato (5-Metil TH4), un derivato Folato, proveniente donatore di metile. Un'altra via catalizzata da betaina omocisteina metiltransferasi remethylates also omocisteina in metionina utilizzando betaina proveniente donatore di metile.  Metionina, in forma di S-adenosilmetionina, è richiesta per la maggior parte delle Reazioni di metilazione biologica, COMPRESA metilazione del DNA.
Cofattore per L-methylmalonyl-coenzima A mutasi

5--deoxyadenosylcobalamin è richiesto dal enzima che catalizza la conversione di L-methylmalonyl-coenzima A a succinil-coenzima A (succinil-CoA), che poi entra nel ciclo dell'acido citrico . Succinil-CoA svolge un ruolo importante nella produzione di energia da lipidi e proteine ed è anche necessario per la sintesi di emoglobina , il pigmento che trasporta l'ossigeno nei globuli rossi .

Metabolica Percorso Che richiedono 5 - -deoxyadenosylcobalamin. 5 - -deoxyadenosylcobalamin E Richiesto da L-metilmalonil-CoA mutasi, Che converte L-metilmalonil-CoA in succinil-CoA.

Deficienza della vitamina B12

Negli adulti sani, la carenza della vitamina B 12 è rara, soprattutto perché i negozi total body possono superare 2.500 mg,  assunzione di solo 2,4 mg / die è sufficiente a mantenere adeguate quantità di vitamina B 12 . In individui anziani, la carenza di vitamina B 12 è più comune soprattutto a causa di assorbimento intestinale alterato che può portare al marginale a grave carenza di vitamina B 12 in questa popolazione.

Le cause di carenza di vitamina B 12

Malassorbimento Intestinale, invece di assunzione con la dieta inadeguata, può spiegare la maggior parte dei casi di carenza di vitamina B 12. L'assorbimento della vitamina B 12 da fonti alimentari richiede la normale funzione dello stomaco, del pancreas e intestino tenue. Acido dello stomaco e gli enzimi liberano la vitamina B 12 dal cibo, permettono così di legarsi a R-proteine (note anche come transcobalamin-1 o haptocorrin), trovati nella saliva e gastrici fluidi. Nella ambiente alcalino dell'intestino tenue, R-proteine vengono degradate da enzimi pancreatici, liberando la vitamina B 12 di legarsi al fattore intrinseco (IF), una proteina secreta da cellule specializzate nello stomaco. Recettori sulla superficie dell'ileo (finale parte dell'intestino tenue) riprendere l'IF-B 12 complesso solo in presenza di calcio, che viene fornito dal pancreas. Vitamina B 12 può anche essere assorbita per diffusione passiva, ma questo processo è molto inefficiente-solo circa 1% di assorbimento di vitamina B 12 dose viene assorbita passivamente. Le cause prevalenti della carenza di B 12  sono  una autoimmune condizione nota come anemia perniciosa , e  un disturbo chiamato malassorbimento del cibo e della vitamina B 12. Entrambe le condizioni sono state associate con una malattia cronica infiammatoria malattia dello stomaco nota come gastrite atrofica .

Gastrite atrofica

Gastrite atrofica può interessare il 10% -30% delle persone oltre i 60 anni di età . La condizione è spesso associata alla presenza di autoanticorpi diretti verso cellule dello stomaco (vedi anemia perniciosa ) e / o infezioni da batteri , Helicobacter pylori (H. pylori)  . H. pylori induce l'infiammazione cronica dello stomaco, che può progredire per ulcera peptica , gastrite atrofica, e / o  cancro gastrico in alcuni individui. Diminuita funzionalità gastrica nei soggetti con gastrite atrofica può causare la proliferazione batterica nel piccolo intestino e causare  malassorbimento del cibo e della vitamina B 12. La vitamina B 12 livelli nel siero , plasma , e fluidi gastrici sono significativamente ridotti nei soggetti con H. pylori, e l'eradicazione del batterio ha dimostrato di migliorare in modo significativo le  concentrazioni sieriche della vitamina B 12 .

Anemia perniciosa

L'anemia perniciosa è stata stimata di essere presente in circa il 2% degli individui oltre i 60 anni di età. Anche se l'anemia è spesso un sintomo, la condizione è in realtà lo stadio finale di un autoimmune infiammazione dello stomaco noto come autoimmune gastrite atrofica , con conseguente distruzione delle cellule dello stomaco dalle proprie anticorpi (autoanticorpi). Progressiva distruzione delle cellule che rivestono le cause dello stomaco è diminuita secrezione di acido e gli enzimi necessari per liberare la vitamina B 12 dal cibo. Gli anticorpi anti-fattore intrinseco (IF) si legano a se per prevenire la formazione del complesso IF-B 12, ulteriormente inibendo assorbimento dellal vitamina B 12 dal cibo. Circa il 20% dei parenti di pazienti con anemia perniciosa sono anche nella stessa condizione, suggerita una predisposizione genetica. Si è anche pensato che H. pylori potrebbe essere coinvolto nell'avvio della reazione autoimmune in un sottogruppo di soggetti. Inoltre, occorrenza di gastrite atrofica autoimmune stata collegata con altre condizioni autoimmuni, tiroidite autoimmune, diabete mellito in in particolare di tipo 1, è stata riportata .

Il trattamento di anemia perniciosa generalmente richiede iniezioni di vitamina B 12 per bypassare l'assorbimento intestinale. Supplementazione orale ad alte dosi è un'altra opzione di trattamento, in quanto consumano 1000 mg (1 mg) / die di vitamina B 12 per via orale dovrebbe comportare l'assorbimento di circa 10 mg / die (1% della dose) per diffusione passiva. Infatti, alte dosi di terapia orale è considerata efficace come iniezione intramuscolare.

Malassorbimento di vitamina B 12 dal cibo

Malassorbimento di vitamina B 12 dal cibo è definita come una ridotta capacità di assorbire del cibo, proteine e livelli di vitamina B 12; le persone con questa condizione possono assorbire completamente la forma libera. Mentre la condizione è la principale causa di scarsa vitamina B 12 nella popolazione anziana, è di solito associata con gastrite atrofica , una cronica infiammazione della mucosa dello stomaco che alla fine si traduce in perdita di ghiandole nello stomaco ( atrofia ) e diminuzione della produzione di acido gastrico (vedi gastrite atrofica ). Poiché l'acido dello stomaco è richiesto per il rilascio della vitamina B 12 dalle proteine negli alimenti,l' assorbimento della vitamina B 12 è diminuita. Diminuzione della produzione di acido gastrico fornisce anche un ambiente favorevole per la crescita eccessiva di batteri anaerobici nello stomaco, che interferisce ulteriormente con l'assorbimento della vitamina B 1 . Poiché la vitamina B 12 in integratori non è legata alle proteine, e poiché fattore intrinseco (IF) è ancora disponibile, l'assorbimento di supplementi di vitamina B 12  è ridotto in quanto è in anemia perniciosa . Così, gli individui con il malassorbimento della vitamina B 12 dal cibo non hanno un aumentato di vitamina B 12; hanno semplicemente bisogno di prenderla nella forma cristallina che si trova nei alimenti fortificati e integratori alimentari.

Altre cause di carenza di vitamina B 12

Altre cause della carenza di vitamina B 12 includono la resezione chirurgica dello stomaco o porzioni del piccolo intestino in cui i recettori si trovano per il complesso IF-B 12. Condizioni che interessano l'intestino tenue, come sindromi da malassorbimento ( celiachia e sprue tropicale), possono anche provocare la carenza della vitamina B 12. Poiché il pancreas fornisce enzimi critici , così come la richiesta del calcio  per l'assorbimento della vitamina B 12, insufficienza pancreatica può contribuire alla carenza della vitamina B 12. Dal momento che la vitamina B 12 è presente solo negli alimenti di origine animale, un vegetariano (vegan) con la dieta rigorosa ha portato a casi di carenza di vitamina B 12. Inoltre, gli alcolisti possono sperimentare ridotto assorbimento intestinale di vitamina B 12 , e gli individui con sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS) sembrano essere ad aumentato rischio di carenza, forse in relazione alla mancanza del recettore IF-B 12 a raccogliere la IF-B 12 complesso . Inoltre, l'uso a lungo termine di farmaci che riducono l'acidità è stato implicato anche nella carenza di vitamina B 12 .

Malattie ereditarie e l'assorbimento di vitamina B 12

Rari casi di errori congeniti di metabolismo della vitamina B 12 sono stati riportati in letteratura. La sindrome Imerslund-Gräsbeck è una vitamina B 12 ereditaria sindrome da malassorbimento che causa anemia megaloblastica e disturbi neurologici  di gravità variabile nei soggetti affetti. Sintomi clinici simili si trovano in individui con ereditaria,  il deficit (chiamato anche congenita anemia perniciosa), in cui la mancanza di IF porta risultati nell'assorbimento difettoso della vitamina B 12. Inoltre, le mutazioni sono state identificate relative alla vitamina B 12 di trasporto nel corpo .

I sintomi di carenza di vitamina B 12

La carenza della vitamina B 12 sono risultati in perdita di valore delle attività di vitamina B 12 -requiring enzimi. Attività deteriorate di sintasi di metionina risultati in elevati livelli di omocisteina, mentre l'attività ridotta di L-methylmalonyl-CoA mutasi risultati in un aumento dei livelli di un metabolita di metilmalonil-CoA chiamato acido metilmalonico (MMA). Mentre le persone con carenza di vitamina B 12 lieve non possono presentare sintomi, i livelli ematici di omocisteina e / o MMA può essere elevato .

Anemia megaloblastica

Diminuita attività della sintasi di metionina in vitamina B 12 inibisce la rigenerazione di tetraidrofolato (THF) e intrappola folato in una forma che non è utilizzabile dall'organismo con conseguenti sintomi della carenza di folato anche in presenza di adeguati livelli di folato . Così, nella carenza in entrambi i folati e vitamina B 12 , folato è disponibile a partecipare nel sintesi del DNA . Questa alterazione della sintesi del DNA colpisce le cellule in rapida divisione del midollo osseo prima di altre cellule, con conseguente produzione di grandi dimensioni, immaturi, emoglobina , globuli rossi. La risultante anemia è nota come anemia megaloblastica e è il sintomo per cui la malattia, anemia perniciosa , è stato chiamato. La supplementazione con acido folico fornirà abbastanza folati utilizzabili per ripristinare la formazione dei globuli rossi normali. Tuttavia, se la c'è la carenza di vitamina B 12 è la causa, esso persiste nonostante la risoluzione dell'anemia. Così, anemia megaloblastica non deve essere trattata con acido folico finché la causa sottostante è stata determinata .

 La vitamina B12 e dell'acido nucleico del metabolismo. E Necessario tetraidrofolato 5,10-metilene (TH4) per la sintesi di Acidi Nucleici, mentre è previsto TH4 5-Metil per la formazione di metionina da omocisteina. Metionina, in forma di S-adenosilmetionina, è necessaria per molte reazioni di metilazione biologici,  tra metilazione del DNA. Metilene TH4 reduttasi è un enzima flavina-Dipendenti necessaria per catalizzare la RIDUZIONE di TH4 5,10-metilene 5-Metil TH4.

Sintomi neurologici

I sintomi neurologici di carenza di vitamina B 12 includono intorpidimento e formicolio alle mani e, più comunemente, i piedi; difficoltà a camminare; perdita di memoria; disorientamento; e demenza , con o senza cambiamenti di umore. Sebbene la progressione delle complicanze neurologiche è generalmente graduale, tali sintomi non possono essere invertiti con trattamento di vitamina B 12, specialmente se sono presenti da lungo tempo. Complicanze neurologiche non sono sempre associati con anemia megaloblastica e sono l'unico sintomo clinico di vitamina B 12 in circa il 25% dei casi . Anche se la carenza della vitamina B 12 è nota per danneggiare la guaina mielina di rivestimento del cranio, della colonna vertebrale e dei nervi periferici, i processi biochimici che portano a danni neurologici in carenza di vitamina B 12  non sono ancora del tutto chiari.

I sintomi gastrointestinali

Indolenzimento della lingua, perdita di appetito, e costipazione sono stati associati con la vitamina B 12. Le origini di questi sintomi non sono chiari, ma possono essere collegati all'infiammazione dello stomaco sottostante in alcuni casi di carenza di vitamina B 12 e alla progressiva distruzione del rivestimento dello stomaco.

La dose giornaliera raccomandata (RDA)

La RDA per la vitamina B 12 è stata rivisto dal Food and Nutrition Board (FNB) della US Institute of Medicine nel 1998. A causa dell'aumentato del rischio di malassorbimento alimentare legato alla vitamina B 12 negli adulti più anziani, la FNB raccomanda che gli adulti oltre 50 anni di età ottengono la maggior parte della RDA da alimenti fortificati o integratori contenenti di vitamina B 12 .
 (RDA) per la vitamina B 12 Fase di vita Età I maschi (mg / die) Le femmine (mg / die)
I neonati 0-6 mesi 0.4 ( AI ) 0.4 (AI)
I neonati 7-12 mesi 0,5 (AI) 0,5 (AI)
Bambini 1-3 anni 0.9 0.9
Bambini 4-8 anni 1.2 1.2
Bambini 9-13 anni 1.8 1.8
Gli adolescenti 14-18 anni 2.4 2.4
adulti 19-50 anni 2.4 2.4
adulti 51 anni e più 2.4 * 2.4 *
Gravidanza tutte le età - 2.6
L'allattamento al seno tutte le età - 2.8
* L'assunzione della vitamina B 12 deve essere integrato con gli integratori o alimenti fortificati per l'aumento legato all'età in malassorbimento alimentare.

Prevenzione delle malattie

Malattia cardiovascolare

Come accennato in precedenza,  gastrite cronica atrofica e l'infezione da H. pylori possono causare la carenza di vitamina B 12 secondario e disturbi di malassorbimento (vedi cause di carenza di vitamina B 12 ). Tuttavia, la presenza di H. pylori e gastrite cronica atrofica non hanno modificato l'incidenza di incidenti cardiovascolari in cinque anni ( ictus e infarto ) o la mortalità in un ampio studio di coorte di quasi 10.000 uomini e donne più di 50 anni . Tuttavia, lo status della vitamina B 12  non è stato valutato in questo studio, nonostante l'alta prevalenza di carenza di vitamina B 12 in individui più anziani.
L'omocisteina e malattie cardiovascolari

Studi epidemiologici indicano che i livelli anche moderatamente elevati di omocisteina nel sangue aumentano il rischio di malattia cardiovascolare (CVD) , anche se il meccanismo con cui l'omocisteina può aumentare il rischio CVD rimane oggetto di molte ricerche . La quantità di omocisteina nel sangue è regolata da almeno tre vitamine: folato , vitamina B 6 , e vitamina B 12 . L'analisi precoce dei risultati di 12 studi randomizzati controllati hanno dimostrato che la supplementazione di acido folico (0,5-5 mg / die) ha avuto il più grande effetto di riduzione sui livelli di omocisteina nel sangue (25% di diminuzione); co-supplementazione con acido folico e vitamina B 12 (500 mg / die) disponibile un'ulteriore riduzione del 7% (32% di diminuzione) in concentrazioni di omocisteina nel sangue. I risultati di uno studio di supplementazione sequenziale in 53 uomini e le donne hanno indicato che dopo l'integrazione di acido folico, vitamina B 12 è diventato il fattore determinante di plasma i livelli di omocisteina . Si pensa che l'aumento dei livelli di omocisteina potrebbe essere in parte dovuto alla carenza di vitamina B 12 in soggetti oltre i 60 anni di età. Due studi hanno rilevato  i livelli  elevati dell'acido metilmalonico nel sangue trovato (MMA) a oltre il 60% degli individui anziani con elevati livelli di omocisteina. In assenza della funzione renale compromessa, un livello di MMA elevato in combinazione con elevati livelli di omocisteina suggerisce sia una carenza di vitamina B 12 o una vitamina B combinato 12 e deficit di folati. Così, sembra importante valutare della vitamina B 12 , così come la funzione renale, nei soggetti anziani con elevati livelli di omocisteina prima di iniziare la terapia di abbassamento di omocisteina.
studi di intervento

Sebbene maggiore apporto di acido folico e vitamina B 12 è efficace nel diminuire dei livelli di omocisteina , l'intervento congiunto di queste vitamine B ha rischio non inferiore per CVD . In effetti, diversi randomizzati , placebo sono stati condotti  al prove per determinare se  abbassamento dell'omocisteina attraverso la supplementazione dell'acido folico, vitamina B 12, e la vitamina B 6 riduce l'incidenza di malattie cardiovascolari. Una recente analisi dei dati provenienti da 11 studi, tra cui quasi 45.000 partecipanti a rischio di CVD, ha dimostrato che la supplementazione di vitamina B non ha avuto alcun effetto significativo sul rischio di infarto del miocardio (attacco cardiaco) o ictus , né ha modificare il rischio di cause di mortalità . Altri analisi che hanno incluso pazienti con malattia renale cronica hanno confermato la mancanza di effetto di omocisteina che abbassa il rischio di infarto miocardico e di morte. Tuttavia, il rischio di ictus è risultato significativamente ridotto del 7% -12% con la supplementazione di vitamina B . Un'altra analisi di 12 studi clinici che misurano flusso mediato vasodilatazione (FMD, un marker surrogato di salute vascolare) in risposta alla riduzione dell'omocisteina ha rivelato che la supplementazione di vitamina B è stato accompagnata da un miglioramento afta epizootica in breve termine <8 settimane), ma non in studi a lungo termine condotti in soggetti affetti da malattie vascolari preesistenti . Tuttavia, alcuni degli studi inclusi in queste analisi non ha utilizzato la vitamina B 12, e l'amministrazione di folati da solo ha dimostrato un ruolo protettivo sulla funzione vascolare e il rischio di ictus. Inoltre, l'alta prevalenza di disturbi di malassorbimento di vitamina B 12 in soggetti anziani potrebbe giustificare l'uso di dosi più elevate di vitamina B 12 rispetto a quelli utilizzati in questi studi ; in caso di malassorbimento, solo di alta dose di terapia orale o iniezioni intramuscolari sono in grado di superare la carenza di vitamina B 12 .
Cancro

Il folato è necessario per la sintesi del DNA , e ci sono prove che è diminuita la disponibilità dei risultati di folati in filamenti di DNA che sono più sensibili ai danni. La carenza di vitamina B 12 intrappola i folati in una forma che non è utilizzabile dal corpo per la sintesi del DNA. Sia la vitamina B 12 e folati si traducono in una diminuita capacità di reazioni di metilazione. Così, la carenza di vitamina B 12 può portare ad un elevato tasso di danno al DNA e metilazione alterata del DNA, che sono entrambi importanti fattori di rischio per il cancro . Una serie di studi nei giovani adulti e gli anziani ha indicato che un aumento dei livelli di omocisteina e diminuzione dei livelli di vitamina B 12 nel sangue sono stati associati con un biomarcatore di rottura cromosomi dei globuli bianchi . In un doppio cieco , placebo controllato, lo stesso biomarker di rottura del cromosoma è stato minimizzato nei giovani adulti che sono stati integrati con 700 mg di acido folico e 7 mg di vitamina B 12 al giorno in cereali per due mesi.
Cancro al seno

Uno studio caso-controllo rispetto ai livelli prediagnostici di siero di acido folico , vitamina B 6 , e la vitamina B 12 in 195 donne con diagnosi di seguito di cancro al seno  e 195, le donne senza cancro di pari età. Tra le donne in post-menopausa, l'associazione tra i livelli ematici di vitamina B 12 e il cancro al seno ha suggerito una soglia di effetto. Il rischio di cancro al seno è più che raddoppiato in donne con il siero di vitamina B 12 livelli nel più basso quintile rispetto alle donne nelle quattro quintili più alti . Tuttavia, la meta-analisi di questo studio con tre studi  supplementari non ha trovato alcuna protezione associata ad elevato rispetto alla vitamina B 12 livelli sierici bassi . Uno studio caso-controllo in donne messicane (475 casi e 1.391 controlli) ha segnalato che il rischio di cancro al seno per le donne nel più alto quartile di vitamina B 12 di aspirazione (7,3-7,7 mg / die) è stato inferiore del 68% rispetto a quelli nel quartile più basso ( 2,6 mg / die). La stratificazione dei dati ha rivelato che l'associazione inversa tra la dieta di vitamina B 12 di aspirazione e il cancro al seno il rischio era più forte nelle donne in post-menopausa rispetto alle donne in pre-menopausa, anche se entrambe le associazioni sono risultate statisticamente significative. Inoltre, tra le donne in post-menopausa, la protezione conferita dai apparenti folati è stata osservata solo nelle donne con il più alti livelli di vitamina B 12 quartili di assunzione . Tuttavia, più recenti,  studi di coorte prospettico hanno riportato deboli per alcuna riduzione del rischio con la vitamina B 12 prese in diverse popolazioni, tra cui, le donne americane ed europee afro-americani ispanici . Una meta-analisi di sette studi prospettici ha concluso che il rischio di cancro al seno non è stato modificato da alti livelli di vitt.12 rispetto ai bassi livelli di vitamina B 12 . Non c'era alcuna associazione congiunta tra l'assunzioni di folati e vitamina B 12 e rischio di cancro al seno. Attualmente, ci sono poche prove che suggeriscono una relazione tra la vitamina B 12 e il cancro al seno. Inoltre, i risultati di studi osservazionali non sono costantemente a sostegno di un'associazione tra un elevato consumo di folato nella dieta e riduzione del rischio di cancro al seno .  Vi è la necessità di valutare l'effetto di supplementazione  di folati e vitamina B 12 in, studi clinici , pur considerando i vari fattori che modificano il rischio di cancro al seno, come ad esempio lo stato di menopausa, etnia, e l'assunzione di alcol.
Difetti del tubo neurale

Difetti del tubo neurale (NTD) possono causare anencefalia o spina bifida , che sono in gran parte irreversibili malformazioni congenite del sistema nervoso centrale . I difetti nascono da fallimento del tubo neurale embrionale per chiudere, che si verifica tra il 21 ° e 28 giorni Th dopo il concepimento, un momento in cui molte donne non sono consapevoli della loro gravidanza. Studi controllati randomizzati hanno dimostrato il 60% al 100% di riduzione in NTD casi in cui le donne hanno consumato supplementi di acido folico in aggiunta a una dieta variata nel corso del mese precedente e il mese dopo il concepimento. Crescente evidenza indica che l' omocisteina effetto dell'acido folico abbassata svolge un ruolo critico nel ridurre il rischio di NTD  . L'omocisteina può accumularsi nel sangue quando non c'è apporto di folati inadeguata e / o vitamina B 12 per un efficace funzionamento del sintetasi enzima metionina . Diminuzione di livelli di vitamina B 12 e le concentrazioni di omocisteina sono stati trovati nel sangue e liquido amniotico di donne in gravidanza ad alto rischio di NTD . La recente meta-analisi di 12 studi , tra cui 567 madri con la gravidanza NTD colpite corrente o prima e 1.566 madri inalterate, ha mostrato che bassi materni sono lo stato della vitamina B 12 è stato associato ad un aumentato rischio di DTN . Tuttavia, se la vitamina B 12 può essere utile nella prevenzione di NTD non è stata valutata.
Declino cognitivo, demenza e malattia di Alzheimer

Il verificarsi la carenza di vitamina B 12 prevale nella popolazione anziana ed è stata spesso associata a malattia di Alzheimer. Uno studio ha trovato più bassi livelli di vitamina B 12 nel liquido cerebrospinale dei pazienti con malattia di Alzheimer rispetto ai pazienti con altri tipi di demenza , anche se i livelli ematici di vitamina B 12 non hanno mostrato le differenze . Il motivo di l'associazione di basso status di vitamina B 12 con malattia di Alzheimer non è chiara. La carenza di vitamina B 12, come deficit di folati , può portare ad una diminuzione di sintesi di metionina e S-adenosilmetionina (SAM), perturbando così reazioni di metilazione. Reazioni di metilazione sono essenziali per il metabolismo di componenti della  guaina mielina  di cellule nervose e per la sintesi di neurotrasmettitori. Altre implicazioni metabolici di carenza di vitamina B12 includono l'accumulo di omocisteina e di acido metilmalonico, che potrebbe contribuire alle caratteristiche neuropatologiche di demenza  .

Depressione

Studi osservazionali hanno trovato ben il 30% dei pazienti ricoverati in ospedale per la depressione che sono carenti di vitamina B 12 . Uno studio trasversale di 700 comunità di vita, le donne fisicamente disabili di età superiore ai 65 hanno trovato che la vitamina B 12 nelle donne carenti avevano due volte più probabilità di essere gravemente depresse come le donne non deficienti della vitamina B12. Uno studio basato sulla popolazione in 3.884 uomini anziani e donne con disturbi depressivi ha trovato che quelli con la carenza della vitamina B 12 avevano quasi il 70% in più di probabilità di avere la depressione rispetto a quelli con normale livello di vitamina B 12 . Le ragioni della relazione tra la carenza della vitamina B 12 e la depressione non sono chiari, ma possono comportare una carenza di S-adenosilmetionina (SAM). SAM è un donatore del gruppo metilico per numerose reazioni di metilazione nel cervello, compresi quelli coinvolti nel metabolismo dei neurotrasmettitori cui carenza è stata correlata alla depressione . Grave carenza  di vitamina B 12  in un modello murino ha mostrato alterazioni drammatiche del livello di DNA metilazione nel cervello, che potrebbe portare a disabilità neurologiche. Questa ipotesi è supportata da diversi studi che hanno dimostrato la supplementazione con SAM migliora i sintomi depressivi .

L'aumento del livello di omocisteina  è un altro non specifico biomarcatore di carenza della vitamina B 12  che è stata collegata a sintomi depressivi nei pazienti anziani. Tuttavia, in un recente studio trasversale condotto in 1.677 soggetti anziani, maggiori livelli plasmatici di vitamina B 12, ma non cambiamenti nelle concentrazioni di omocisteina, erano correlati con una minore prevalenza di sintomi depressivi . Pochi studi hanno esaminato il rapporto di vitamina B 12, i livelli di omocisteina, e lo sviluppo di depressione nel tempo. In uno studio randomizzato , placebo controllato, studio di intervento con oltre 900 partecipanti di età superiore sperimentando disagio psicologico, la supplementazione con acido folico al giorno (400 mg) e vitamina B 12 (100 mg) per due anni non ha ridotto l'insorgenza di sintomi di depressione, in modo significativo migliorando folati nel sangue, la vitamina B 12 , e livelli di omocisteina rispetto al placebo . Tuttavia, in una prospettiva a lungo termine, randomizzato, in doppio cieco , controllato con placebo studio tra i malati di incidenti cerebrovascolari ad alto rischio di depressione, la supplementazione giornaliera con 2 mg di acido folico, 25 mg di vitamina B 6 , e 500 mg di vitamina B 12 significativamente ridotto il rischio di episodi di depressione maggiore durante un periodo di sette anni rispetto al placebo  Anche se non si può ancora stabilire se la carenza della vitamina B 12  svolge un ruolo causale nella depressione, può essere utile per lo screening per la vitamina B 12 di individui più anziani come parte di una valutazione medica per la depressione.
Osteoporosi

Alti livelli di omocisteina  possono influenzare il rimodellamento osseo , aumentando riassorbimento l'osso (guasto), diminuendo la formazione di osso, e di ridurre il flusso di sangue delle ossa. Un altro meccanismo proposto comporta il legame di omocisteina alla matrice di collagene delle ossa, che possono modificare proprietà del collagene e ridurre la resistenza ossea . Alterazioni di osso proprietà biomeccaniche possono contribuire all'osteoporosi e aumentare il rischio di fratture negli anziani. Dal momento che la vitamina B 12 è un fattore determinante di metabolismo dell'omocisteina, è stato suggerito che il rischio di fratture osteoporotiche nei soggetti più anziani potrebbe essere rafforzato  da  carenza di vitamina B 12. Una meta-analisi di quattro studi osservazionali , a seguito di un totale di 7.475 individui più anziani per 3 a 16 anni, ha trovato una debole associazione tra un'altitudine di vitamina B 12 su 50 picomoli / l nel sangue e una riduzione del rischio di fratture . Un randomizzato studio con il placebo ci fornisce che, la sperimentazione controllata al 559 in soggetti anziani con bassi sierici livelli di folati e vitamina B 12 e ad aumentato rischio di frattura ha valutato la supplementazione combinata di dosi molto elevate di acido folico (5 mg / die) e vitamina B 12 (1.5 mg / die). Lo studio di due anni ha rilevato che la supplementazione ha migliorato stato di vitamina B, diminuito le concentrazioni di omocisteina e rischio di fratture totali rispetto al placebo. Tuttavia, uno studio multicentrico in 5.485 soggetti con malattia cardiovascolare o diabete mellito hanno mostrato che la supplementazione giornaliera con acido folico (2,5 mg), vitamina B 12 (1 mg), e la vitamina B 6 (50 mg) ha abbassato le concentrazioni di omocisteina ma non ha avuto effetto sulla rischio di frattura rispetto al placebo . Un altro piccolo, randomizzato, in doppio cieco di prova in 93 individui con bassi livelli di vitamina D non ha trovato alcun beneficio aggiuntivo di supplementazione della vitamina B  (50 mg / die di vitamina B 6 , 0,5 mg / die di acido folico, e 0,5 mg / die di la vitamina B 12 ) sui marker di salute delle ossa nel corso di un periodo di un anno al di là di quello associato con vitamina D e la supplementazione di calcio. Tuttavia, la breve scala dello studio non ha permesso una conclusione sul fatto che l'abbassamento di omocisteina attraverso la supplementazione di vitamina B-potrebbe avere benefici a lungo termine sulla resistenza ossea e rischio di fratture . Un ampio studio di intervento condotto in persone anziane senza condizioni preesistenti è in corso per valutare l'effetto della supplementazione di vitamina B sui marcatori di salute delle ossa e l'incidenza di fratture; questo studio potrebbe chiarire se vitamine del gruppo B potrebbero avere un effetto protettivo sulla salute delle ossa nella popolazione anziana.

Fonti di cibo della vitamina B12

Solo i batteri possono sintetizzare la vitamina B 12 . La vitamina B 12 è presente nei prodotti di origine animale, quali carne, pollame, pesce (compresi crostacei), e, in misura minore, latticini e uova. Latte fresco pastorizzato contiene 0,9 mg per tazza ed è una fonte importante di vitamina B 12 per alcuni vegetariani . Quei vegetariani che non mangiano prodotti di origine animale (vegani) hanno bisogno di un supplemento di vitamina B 12 per soddisfare le loro esigenze. Recenti analisi hanno rivelato che alcuni alimenti vegetali come alcuni fagioli fermentati e verdura e alghe commestibili e funghi, contengono notevoli quantità di bioattiva vitamina B 12 . Insieme con la vitamina B- fortificati alimenti e integratori, questi alimenti possono contribuire, anche se modestamente, per evitare la carenza della vitamina B 12 di individui che consumano diete vegetariane. Inoltre, gli individui di età superiore ai 50 dovrebbero ottenere la loro vitamina B 12 in integratori o alimenti fortificati (ad esempio, cereali arricchiti) a causa della maggiore probabilità di malassorbimento dal cibo della vitamina B 12 con l'aumentare dell'età.

La maggior parte delle persone non ha un problema ad ottenere la RDA di 2,4 mg / die di vitamina B 12 negli alimenti. Secondo un sondaggio nazionale degli Stati Uniti, l'assunzione media di vitamina B 12 è 5,4 mg / giorno per gli uomini adulti e 3,4 mg / giorno per le donne adulte. Adulti di età superiore ai 60 devono avere un apporto medio alimentare di 4,8 mg / die . Tuttavia, il consumo di qualsiasi tipo di dieta vegetariana aumenta notevolmente la prevalenza di carenza della vitamina B 12 di individui di tutte le età . Alcuni alimenti con notevoli quantità di vitamina B 12 sono elencati sotto , insieme con la  vitamina B 12 contenuta in microgrammi (mg). Per ulteriori informazioni sul contenuto nutritivo degli alimenti specifici, cercare il database di composizione degli alimenti USDA.
Alcune fonti alimentari di vitamina B 12  (mg)
Vongole (vapore) 100 grammi -  84.1
Cozze (vapore) 100 grammi -   20.4
Sgombro ( cotto, asciutto-calore) 100 grammi -  * 16.1
Granchio ( al vapore) 100 grammi - 9.8
Manzo (magra, bistecca piatto, cotto, alla griglia) 100 grammi - 6.9
Salmone (chinook, cotto, asciutto-calore) 100 grammi - 2.4
Scorfano (cotto, asciutto-calore) 100 grammi - 1.0
Il latte (scremato) 1 bicchiere 0.9
Tacchino (cotto, arrosto) 100 grammi - 0.8
Formaggio Brie) 30 grammi 0.5
Uovo (camicia) 1 grande 0.4
Di pollo (carne luce, cotto, arrostito) 100 grammi - 0.3
* Una porzione di 100 grammi - di carne o pesce è delle dimensioni di un mazzo di carte.

Supplementi della vitamina B12

Cianocobalamina è la principale forma di vitamina B 12 usata nei integratori orali, ma metilcobalamina è anche disponibile come supplemento. Cianocobalamina è disponibile dalla prescrizione in forma iniettabile e come un gel nasale per il trattamento di anemia perniciosa . Preparati contenenti cianocobalamina includono multivitaminici, integratori di vitamine del complesso B, e singoli nutrienti, integratori di vitamina B 12.

Sicurezza e Tossicità della vitamina B12

Non ci sono stati effetti tossici o avversi  associati con grandi quantità di vitamina B 12 da alimenti o integratori in persone sane. Dosi più in alti di 2 mg (2.000 mg) al giorno per via orale o 1 mg mensilmente intramuscolare (IM) di iniezione sono stati utilizzati per trattare l' anemia perniciosa , senza significativi effetti collaterali . Quando alte dosi di vitamina B 12 vengono somministrati oralmente, solo una piccola percentuale può essere assorbita, che può spiegare la bassa tossicità . A causa della bassa tossicità della vitamina B 12 , nessun livello di assunzione massimo tollerabile ( UL ) è stato impostato dalla US Food and Nutrition Board .

Interazioni farmacologiche con la vitamina B12

Un certo numero di farmaci riducono l'assorbimento della vitamina B 12 . Inibitori di pompa protonica (ad esempio, omeprazolo e lansoprazolo), utilizzati per la terapia della sindrome di Zollinger-Ellison e malattia da reflusso gastroesofageo (GERD), marcatamente riducono la secrezione di acida dello stomaco necessario per il rilascio di vitamina B 12 dal cibo, ma non da integratori . L'uso a lungo termine degli inibitori della pompa protonica è stato associato per diminuire la vitamina B nel sangue di 12 livelli. Tuttavia, la carenza della vitamina B 12 di genere non sviluppano fino a dopo almeno tre anni di terapia continua . Un'altra classe di inibitori di acido gastrico conosciuti come istamina 2 (H 2 ) antagonisti dei recettori (ad esempio, cimetidina, famotidina, e ranitidina), spesso usati per trattare l'ulcera peptica , sono anche stati trovati per diminuire l'assorbimento della vitamina B 12 dal cibo . Non è chiaro se l'uso a lungo termine di H 2 antagonisti dei recettori potrebbe causare palese carenza della vitamina B 12  . Gli individui che assumono farmaci che inibiscono la secrezione acida gastrica dovrebbero prendere in considerazione l'assunzione di vitamina B 12 sotto forma di un supplemento di acido gastrico, perché non è richiesto per il suo assorbimento. Altri farmaci trovati per inibire la vitamina B 12 assorbimento dal cibo includono colestiramina (un acido biliare -binding resina utilizzato nel trattamento di colesterolo alto ), cloramfenicolo e neomicina (antibiotici), e colchicina (medicinale per trattamento della gotta ). La metformina, un farmaco per gli individui con il diabete  tipo 2, è stato trovato di diminuire l'assorbimento della vitamina B 12 da legare il calcio libero necessario per l'assorbimento della IF-B 12 complesso . Tuttavia, il significato clinico di ciò è chiaro, non è noto se la supplementazione di calcio può invertire il malassorbimento della vitamina B 12 ; di conseguenza, la supplementazione di calcio non è attualmente prescritta per la prevenzione o il trattamento di metformina indotta dalla  carenza di vitamina B 12 . I rapporti precedenti che megadosi di vitamina C distruggono la vitamina B 12 non sono stati sostenuti  e potrebbe essere stato un artefatto del test usato per misurare i livelli della vitamina B 12 .

Il protossido d'azoto, un anestetico comunemente usato, si ossida e inattiva la vitamina B 12 , inibendo così entrambe le vitamina B 12 e dipendenti enzimi , e in grado di produrre molte delle caratteristiche cliniche di carenza della vitamina B 12 , come ad esempio l'anemia megaloblastica o neuropatia . Dal momento che il protossido di azoto è comunemente utilizzato per la chirurgia negli anziani, alcuni esperti ritengono che la carenza della vitamina B 12 deve essere esclusa prima del suo utilizzo.

Le grandi dosi di acido folico dato a un individuo con una carenza di vitamina B 12 non diagnosticata  potrebbe correggere l'anemia megaloblastica senza correggere la vitamina B 12 sottostante deficit, lasciando l'individuo al rischio di sviluppare irreversibili danni neurologici . Per questo motivo, il consiglio di amministrazione dell'Istituto di Medicina degli Stati Uniti Food and Nutrition ti ricorda che tutti gli adulti devono limitare l'assunzione di acido folico (integratori e fortificazioni ) da 1.000 mg a (1 mg) al giorno.
Raccomandazione

Una dieta varia dovrebbe fornire abbastanza vitamina B 12 per prevenire la carenza nella maggior parte delle persone di 50 anni di età e più giovani. Vegani e le donne che pianificano una gravidanza  dovrebbero prendere un multivitaminico supplemento giornaliero o mangiare cereali fortificati, che garantirebbe un apporto giornaliero di 6 a 30 mg di vitamina B 12 in una forma che viene facilmente assorbita. Dosi più elevate di vitamina B 12 , integratori sono raccomandati per i pazienti che assumono farmaci che interferiscono con l'assorbimento (vedi Interazioni farmacologiche ).
Gli anziani (> 50 anni)

Poiché il malassorbimento della vitamina B 12 e  la carenza vitamina B 12  sono più comuni negli adulti più anziani,  raccomandato che gli adulti di età superiore ai 50 anni prendono da 100 a 400 mg / die di supplementi di vitamina B 12 .

loading...