Hai la pressione alta? Prova questo tè con soli 2 ingredienti!

La pressione sanguigna è la forza con cui il sangue, pompato dal cuore, preme contro le pareti delle arterie. Se la pressione aumenta e rimane elevata per molto tempo, può danneggiare l’organismo in diversi modi.

Negli Stati Uniti, 70 milioni di persone, c quasi 1 ogni 3 ha la pressione alta. In Canada,  1 a 6. L'ipertensione aumenta il rischio di malattie cardiache, arteriosclerosi , ictus e insufficienza renale . La gestione di questa condizione è quindi fondamentale non solo per la salute e sentirsi bene, ma è importante per prevenire malattie mortali.

I valori della pressione alta

Pressione alta

Quando ci si fa misurare la pressione si ottengono due numeri riferiti rispettivamente alla pressione sistolica (massima) e alla pressione diastolica (minima), misurate rispettivamente in corrispondenza del battito cardiaco, cioè quando il cuore pompa il sangue, e quando il cuore è a riposo tra due battiti successivi.

Il numero più alto è quindi riferito alla pressione sistolica, se trovate scritto 120/80 mmHg il numero 120 è la pressione sistolica. La sigla mmHg significa “millimetri di mercurio” ed è l’unità di misura della pressione sanguigna.

La tabella seguente indica i valori normali della pressione per gli adulti e specifica anche quali sono i valori che comportano un maggior rischio di problemi di salute. La pressione non è sempre costante, anche nelle persone sane. Se i valori tendono a essere quasi sempre maggiori del normale, invece, siete a rischio.

Valori della pressione negli adulti (in mmHg, o millimetri di mercurio)

  • Normale: minore di 120 la massima e minore di 80 la minima;
  • Preipertensione: tra 120 e 139 la massima o tra 80 ed 89 la minima;
  • Ipertensione Grado 1: tra 140 e 159 la massima o tra 90 ed 99 la minima;
  • Ipertensione Grado 2: più di 160 la massima o più di 100 la minima;

Gli intervalli della tabella sono validi per la maggior parte degli adulti (di età superiore ai 18 anni) che non soffrono di malattie croniche gravi.

I livelli superiori ai 120/80 mmHg fanno aumentare il rischio, e il rischio è maggiore all’aumentare dei valori. La parola pre-ipertensione significa che è probabile che arriverete a soffrire di ipertensione, a meno che non prendiate provvedimenti per prevenirla.

Quali sono i sintomi dell’ipertensione

In generale si pensa che l’ipertensione non porti a sintomatologie particolari, molte persone infatti si accorgono di averla quando ormai è troppo tardi o comunque vivono molti anni convivendo con essa , ma senza saperlo.

Spesso viene soprannominata “killer slinzioso“, essendo una delle protagoniste di ictus e infarti.

Ad uno sguardo più attento però è possibile riconoscere diversi campanelli di allarme e che spesso si tende a sottovalutare e che andrebbero sempre fatti presente al medico:

  • Nervosismo e stanchezza senza apparenti cause
  • Ronzii, vertigini e giramenti di testa
  • Cefalea e mal di testa
  • Lampi di luce (fosfeni) e altre tipologie di disturbi visivi
  • Problemi di memoria, cognitivi e di apprendimento

Perché è pericolosa

La motivazione migliore perché una persona si impegni ad abbassare la propria pressione alta o tenerla controllata è conoscere quali pericoli si celano dietro l’ipertensione.

  1. Insufficienza cardiaca: il cuore in caso di ipertensione deve pompare sempre di più, ingrossandosi fino a quando non riesce più a soddisfare le esigenze di sangue di tutti i distretti corporei.
  2. Aterosclerosi: le arterie pian piano tendono ad aumentare di spessore e a indurirsi aumentando le possibilità di avere ad esempio un infarto o un colpo apoplettico.
  3. Aneurisma: la pressione elevata dilata i vasi sanguigni con serie conseguenze fino alla rottura del vaso stesso.
  4. Ictus: l’ipertensione può causare la rottura di un vaso celebrale oppure rallentare il flusso sanguigno al cervello.
  5. Problemi renali: l’indebolimento della struttura dei vasi sanguigni dei reni possono impedire il corretto funzionamento renale.
  6. Rottura vasi dell’occhio: la pressione elevata può causare problemi alla vista anche gravi.
  7. Problemi col pensiero: memoria, apprendimento sono tra i problemi più frequenti.
  8. Sindrome metabolica: insieme all’obesità, al diabete, ad un eccesso di trigliceridi e a valori troppo alti di colesterolo, l’ipertensione rientra nei disturbi della sindrome metabolica.

Assunzione di farmaci non risolve problema di pressione alta, bisogna correggere la dieta e fare esercizio fisico regolarmente. Misurate la pressione e prendete i provvedimenti e le correzioni prima, che si arriva a prendere i farmaci, perché i farmaci da ricordare hanno sempre gli effetti collaterali.  Meglio prevenire che curare.
Gli studi hanno dimostrato che l'assunzione dei medicinali più comunemente prescritti  per la pressione alta per un periodo prolungato può portare il rischio di sviluppare il cancro 2½ volte di quelle persone chi non usano i farmaci e le probabilità aumentano con l'età.

Ci sono :Due tipi di ipertensione
L'ipertensione può essere ereditaria o acquisita attraverso uno stile di vita ad alto rischio. Ci sono 2 tipi: essenziale (primaria) e secondaria. Nel caso di ipertensione essenziale, non c'è nessuna causa apparente e si sviluppa gradualmente nel corso di molti anni. Ipertensione secondaria è di solito associata con un'altra condizione :

Apnea ostruttiva del sonno
problemi renali
I tumori della ghiandola surrenale
problemi alla tiroide
Alcuni difetti congeniti del sangue
Ci sono diversi fattori di rischio per la pressione alta:

Età
L'uso eccessivo di alcool o droghe di qualsiasi tipo
Sovrappeso
Raza - l'alta pressione sanguigna è più comune negli afro-americani che bianchi
Stile di vita sedentario
Stress
L'uso del tabacco
Cronica mancanza di vitamina D e / o carenza di potassio prolungata
Troppo sale
Altre condizioni croniche come il diabete e malattie renali
Se si ha la pressione alta e il farmaco può uccidere più velocemente della ipertensione in sé, cosa si può fare?

C'è molto che si può fare !

Come gestire l'alta pressione sanguigna?

Studi hanno dimostrato che alto apporto di frutta e verdura riduce il rischio di malattie cardiovascolari con effetti anti-infiammatori dimostrato a causa del gruppo di fitonutrienti chiamati antociani .

Una lista di alimenti dimostrata di ridurre la pressione sanguigna: Aglio, Mirtilli, Fragole, Succo di barbabietola, tè verde, fiocchi d'avena, Karkadè (tè di ibisco), cioccolato fondente 70%, Anguria, semi di lino, lenticchie e fagioli, alga spirulina, verdura a foglia verde, ortica, avocado, kiwi, basilico, cannella, Peperoncino, banane, sedano e pomodori.

  1. La vitamina C

La vitamina C riduce la pressione alta e migliora la funzione vascolare, questo è quanto emerge da svariati studi clinici.
I ricercatori della Johns Hopkins University School of Medicine hanno pubblicato il risultato di uno studio che mostra l’importanza della vitamina C supplementare, per abbassare i livelli di pressione del sangue. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista  Journal of Clinical Nutrition .  Il dottor Peter R. Miller  ha notato che la vitamina C presa a dosi più elevate rispetto a quanto suggerito dal requisito giornaliero raccomandato, in modo efficace abbassa la pressione sanguigna e diminuisce il rischio di un attacco di cuore o ictus.
I ricercatori hanno scoperto che l’assunzione di una media di 500 milligrammi di vitamina C al giorno, circa cinque volte il fabbisogno giornaliero raccomandato, ha ridotto la pressione da 3,84 millimetri di mercurio a breve termine. Tra le persone con diagnosi di ipertensione, il calo è stato di quasi 5 millimetri di mercurio. Questi risultati possono essere sufficienti per ridurre drasticamente il rischio cardiovascolare e ictus, in milioni di adulti con diagnosi di ipertensione lieve.

 2. Vitamina D efficace come i farmaci per la pressione alta

Assumere un integratore di vitamina D al giorno, per chi ne è carente, ha un effetto simile a quello dei farmaci antiipertensivi. I pazienti ipertesi possono beneficiare di supplementi di vitamina D, se presentano una carenza di questa sostanza. La vitamina D non rappresenterebbe una cura contro l’ipertensione , ma un valido aiuto, soprattutto nei mesi invernali.

3. Carenza di potassio

la salute delle nostre cellule e dell'organismo in toto, dobbiamo introdurre con l'alimentazione più potassio rispetto al sodio, cosa che non così facilmente avviene. Le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti: pensiamo per esempio all'ipertensione – notoriamente correlata con il consumo di alimenti ricchi di sale –, ma anche agli effetti meno pericolosi della ritenzione idrica, quali cellulite, gonfiori e aumento di peso. Stimolando i reni a produrre urina, il potassio aiuta l'eliminazione di sodio, favorisce il controllo della pressione arteriosa e svolge un'azione depurativa dell'organismo.

4. Carenza di magnesio

Il magnesio abbassa la pressione sanguigna Sebbene non al pari di un farmaco, un’integrazione di magnesio può ridurre significativamente la pressione arteriosa diventando un valido quanto naturale complemento nel trattare la pressione alta o l’ipertensione

I supplementi di magnesio possono davvero abbassare la pressione, perché allora non cominciare a consumare cibi che contengono in maggiore misura questo prezioso minerale? In questo modo possiamo comunque favorire una migliore funzionalità vascolare in modo naturale e, magari, abbinarla alle eventuali cure cui siamo sottoposti per questo problema.

5. Assumere probiotici

Consumare un quantitativo appropriato di probiotici per almeno due mesi risulta in grado di abbassare la pressione del sangue. La nuova ricerca è stata pubblicata sulla rivista Hypertension e combina i risultati di nove studi che hanno richiesto ad una parte dei partecipanti di assumere con regolarità dei probiotici.

6. Abbassare il consumo di sale

L’eccessivo uso di sale stimola il sistema nervoso simpatico e lo induce a produrre una quantità maggiore di adrenalina; questa – a sua volta - provoca una costrizione più evidente delle arterie, che porta all’ipertensione, fenomeno indicato scientificamente con la definizione “volume ampliato di ipertensione”. Ma non è tutto: l’eccessiva quantità di sale presente nel sangue porta anche ad una maggiore ritenzione di liquidi nel sistema arterioso, contribuendo così ad un aumento del volume del sangue e della pressione sulle pareti arteriose

7. Esercizio e Tai Chi

L'esercizio fisico è una terapia cardine per la prevenzione, il trattamento e il controllo dell'ipertensione. La pratica del Tai Chi aiuta a ridurre la pressione arteriosa e il colesterolo. Lo hanno rilevato alcuni studi condotti presso l'Università di Taiwan, luogo dove per eccellenza gli abitanti praticano questa disciplina.

8. Evitare cibi che aggravano l'ipertensione:

carni trasformate come, ramen, alcool, Pane, Pollame surgelato, i panini da hamburger, zucchero, bibite e qualsiasi cosa ad alto contenuto di sodio.

Ricetta per abbassare la pressione alta:
Qui di seguito c'è una ricetta per il tè per l'ipertensione che è delizioso e fornirà le sostanze nutrienti per ridurre la pressione sanguigna. Il sedano contiene ftalidi , fitonutrienti che agiscono per ridurre la costrizione nelle pareti delle arterie, permettendo aumento del flusso sanguigno.

Datteri rossi contengono alti elevati di potassio, una sostanza nutritiva nota per ridurre gli effetti del sodio nel sangue, riducendo così la pressione sanguigna.

 

Ingredienti:

2 litri di acqua
200 grammi di sedano organico
30 grammi datteri rossi
Indicazioni:

Lavare il sedano e pulire i datteri rossi.
Tagliare il sedano in piccoli pezzi.
Mettere tutti gli ingredienti in una pentola e far bollire a fuoco lento per 30 minuti.
Scolare i pezzi dal liquido.
Bere il tè più spesso possibile.

loading...