Conosci 12 sintomi premonitori di un ictus? Puoi salvare la tua vita!

Conoscere 12 sintomi premonitori di un ictus può salvare la tua vita. È possibile salvare la tua vita o la vita di qualcuno se si presta attenzione. Ci sono diversi premonitori di un ictus prima di verificarsi e si può evitare questo semplicemente prestando più attenzione.Riconoscere i sintomi di un ictus per intervenire con tempestività più le linee guida per poterlo prevenire.

Ictus è un termine latino che significa “colpo” (in inglese stroke). Si verifica quando un coagulo di sangue blocca un’arteria cerebrale o quando un’arteria del cervello viene danneggiata e si rompe, provocando interruzione dell’apporto di sangue ossigenato nell’area cerebrale. Avviene in maniera improvvisa (da qui il termine Ictus), e può colpire anche una persona in pieno benessere.

Sintomi premonitori di un ictus

Sintomi premonitori di un ictus

Quando si verifica un’interruzione dell’apporto di sangue ossigenato in un’area del cervello, si determina la morte delle cellule cerebrali di quell’area. Di conseguenza, le funzioni cerebrali controllate da quell’area (che possono riguardare il movimento di un braccio o di una gamba, il linguaggio, la vista, l’udito o altro) vengono perse.

In Italia l’Ictus è la terza causa di morte, dopo le malattie ischemiche del cuore e le neoplasie. Da luogo al 10-12% di tutti i decessi per anno e rappresenta la prima causa di invalidità. Colpisce più frequentemente dopo i 55 anni, raddoppiando le probabilità della sua insorgenza ad ogni successiva decade.

L'ictus è la seconda causa principale di disabilità nel mondo. In tutto il mondo, quindici milioni di persone soffrono di colpi ogni anno e un terzo di loro muore per conseguenza. Un terzo diventa definitivamente disabilitato. Il colpo è la quinta causa di morte negli Stati Uniti.

L'incidenza di ictus sta diminuendo nel mondo industriale ma cresce nel mondo in via di sviluppo. Spaventosamente, si stima che la mortalità dell'ictus triplicerà nei prossimi vent'anni in America Latina, nell'Africa sub-sahariana e nel Medio Oriente.

Deprivato dall'ossigeno, le cellule cerebrali rapidamente muoiono. Qualcuno che soffre di un ictus può perdere memorie o abilità che sono nelle parti interessate del cervello.

Esistono tre tipi di Ictus:

Ischemico: quando le arterie cerebrali vengono ostruite dalla graduale formazione di una placca aterosclerotica e/o da un coagulo di sangue, che si forma sopra la placca arteriosclerotica (Ictus Trombotico) o che proviene dal cuore o da un altro distretto vascolare (Ictus Trombo-embolico). Circa l’80% di tutti gli Ictus è ischemico.

Emorragico: quando un’arteria del cervello si rompe, provocando così una emorragia intracerebrale non traumatica (questa forma rappresenta il 13% di tutti gli Ictus) o caratterizzata dalla presenza di sangue nello spazio sub-aracnoideo (l’aracnoide è una membrana protettiva del cervello; questa forma rappresenta circa il 3% di tutti gli Ictus). L’ipertensione è quasi sempre la causa di questa forma gravissima di Ictus.

Attacco ischemico transitorio o TIA: si differenzia dall’Ictus Ischemico per la minore durata dei sintomi (inferiore alle 24 ore, anche se nella maggior parte dei casi il TIA dura pochi minuti, dai 5 ai 30 minuti). Si stima che il 40% delle persone che presenta un TIA, in futuro andrà incontro ad un Ictus vero e proprio.

Ma come si riconosce un Ictus Cerebrale? Quali sono i sintomi che contraddistinguono questa malattia? Ma soprattutto, si può prevenire l’Ictus?

I segnali dell’Ictus hanno la caratteristica di essere prima di tutto improvvisi. Tuttavia è fondamentale riconoscerne immediatamente i sintomi per poter intervenire quanto prima possibile. Questo consente di salvare vite e di limitare la comparsa di disabilità.

L'ictus può verificarsi senza alcun avviso in nessuno, compresi i bambini. Di seguito sono i principali fattori di rischio per ictus.

Cause scatenanti dell'ictus sono:

Alcool e altri abusi di sostanze, ad esempio, cocaina, metamfetamina
Aterosclerosi o altre malattie cardiovascolari.
Colesterolo alto
Diabete
Genetica / ereditarietà
Ipertensione
L'uso a lungo termine di alcuni farmaci, inclusi farmaci antiinfiammatori non steroidei (FANS), compreso il ibuprofene e il naproxen
Obesità
Dieta povera
Stile di vita sedentario
Fumo di sigarette
Stress e depressione

Età e sesso - il rischio di ictus aumenta con l'età. Nelle persone al di sotto dei 60 anni, gli uomini hanno maggiori probabilità di soffrire di ictus, ma le donne hanno maggiori probabilità di morire

Razza / etnia - in America del Nord, gli afro- e nativi americani hanno maggiori probabilità di avere colpi rispetto ad altri gruppi etnici

I sintomi principali del ictus, che si manifestano improvvisamente, sono:

I sintomi del ictus dipendono dalla parte del cervello colpita dall'arresto della fornitura di sangue. Conoscere i segni di un ictus può significare la differenza tra ottenere l'attenzione medica abbastanza velocemente per prevenire gravi danni e una vita di disabilità.

Dolore su un lato del viso

Il dolore improvviso e inspiegabile su un lato del viso, del braccio, della gamba o del petto non è tipico ma non è raro. Le donne hanno maggiori probabilità di provare sintomi atipici di ictus, quindi meglio essere sicuri che dispiaciuti.

Visione sfocata

L'improvvisa difficoltà di vedere chiaramente, come la vista offuscata o doppia, l'incapacità di concentrare l'occhio o altri cambiamenti in vista (in uno o entrambi gli occhi) può segnalare un ictus.

Difficoltà respirare o deglutire

Le donne possono sperimentare diversi sintomi di un ictus rispetto agli uomini. Avere difficoltà di respirazione o di deglutizione sono due di questi. Questi altri segni di ictus sono più comuni nelle donne: svenimenti, irritazioni, allucinazioni, nausea o vomito, dolori improvvisi, convulsioni, singhiozzi.

Tremore

I tremori ritardati dell'insorgenza sono un sintomo relativamente raro ma confermati dell'infarto cerebrale - ostruzione dell'approvvigionamento di sangue al cervello.

Perdita di equilibrio

La vertigine improvvisa, la mancanza di coordinamento o la perdita di equilibrio sono sintomi comuni e devono essere presi seriamente.

Difficoltà di camminare

Improvviso intorpidimento o formicolio ovunque nel corpo ("spilli e aghi") o instabilità e problemi con il normale camminare possono essere segni di un ictus.

Paralisi facciale

Questo è probabilmente il sintomo più conosciuto del ictus. Improvviso intorpidimento / debolezza / paralisi di un lato del viso, del braccio o della gamba può dirti che è in corso un ictus.

"Tenti di sollevare entrambe le braccia sulla testa contemporaneamente. Se un braccio comincia a cadere, si può avere un ictus. Allo stesso modo, un lato della bocca può caderee quando si cerca di sorridere ", avverte la Clinica Mayo.

Mal di testa

Un mal di testa normale si sente come una compressione opaca della testa e si verifica senza altri sintomi di un ictus. L'emicrania è un dolore forte e dolorante che di solito è preceduto da altri sintomi. Un dolore improvviso, affilato e mostruoso nella testa, soprattutto nei più piccoli, può essere un segno di ictus. Le donne hanno più probabilità di avere una cefalea di ictus rispetto agli uomini, soprattutto quelli che hanno regolarmente l'emicranie.

Confusione

Se sei nel mezzo di fare qualcosa e diventi improvvisamente confuso, disorientato o incapace di capire e pensare in modo diretto, potrebbe essere un segno di ictus.

Vertigine

La vertigine o lo squilibrio da solo non è necessariamente un segno di un ictus; Vertigini e squilibri accompagnati da vertigini sono spesso sintomi di un ictus del sistema cerebrale. Vertigini sono la sensazione di oscillazione o di filatura senza spostarsi o che gli oggetti nell'ambiente si muovono . La sola vertigine è spesso una semplice questione di squilibrio nell'orecchio interno e può essere curata con la manovra Epley o un altro aggiustamento fisico. È il triumvirato che è di preoccupazione per il ictus.

Problemi di parlare

L'area del cervello che è più responsabile del discorso è spesso influenzata da ictus. L'incapacità di parlare, parlare, mangiarsi le parole o non essere capaci di comprendere il discorso sono i segni comuni quando si soffre di un ictus.

Fatica

Le donne hanno più probabilità di sentire improvvisi stanchezza, debolezza, confusione e cambiamenti nello stato mentale durante un ictus.

Si può prevenire l’ictus?

Sì! Nella fase asintomatica, cioè prima che si manifesti la malattia (prevenzione primaria), quando ci sono stati i primi campanelli di allarme, cioè dopo il primo TIA (prevenzione secondaria), o quando si sia verificato il primo ictus (prevenzione terziaria).

In tutte e tre le situazioni, le tappe fondamentali sono: controllo dei fattori di rischio, cambiamento delle abitudini alimentari e dello stile di vita e cure mediche quando non siano sufficienti gli interventi comportamentali.

Il 50% degli ictus ischemici potrebbe essere prevenuto infatti semplicemente modificando lo stile di vita (astensione dal fumo, regolare attività fisica e alimentazione corretta). Le linee guida predisposte dalla comunità scientifica internazionale parlano chiaro su come si deve fare la prevenzione, e quali siano i fattori di rischio che, se conosciuti, possono mettere al riparo dagli attacchi devastanti dell’Ictus.

Alcuni fattori di rischio non sono modificabili come l’età, il sesso (l’Ictus è più comune negli uomini che nelle donne, ma più della metà dei decessi per Ictus si verificano nelle donne), l’ereditarietà, lo stress e l’ambiente in cui si vive. Altri sono cosiddetti intermedi, ovvero prendono origine dal protrarsi nel tempo dei fattori di rischio modificabili, cioè le cattive abitudini, e sono ipertensione, diabete, obesità, aumento dei trigliceridi ed ipercolesterolemia.

Ma non bisogna spaventarsi. Molti dei fattori di rischio possono essere cambiati, controllati e trattati.

Ricordiamoci che l’Ictus si può curare e di Ictus ci si può “non ammalare” o almeno si possono ridurre le possibilità di esserne colpiti.

Può essere impedito fino a 80 percento di tratti.

Per ridurre drasticamente il rischio di ictus, considerate queste scelte di stile di vita:

Maneggiare la pressione del mantenimento. Mantenere la pressione sanguigna inferiore a 120/80.
Mantenere un peso sano. Un indice di massa corporea di 25 o meno è desiderabile. Istituti Nazionali di Salute forniscono una calcolatrice online per il tuo BMI: clicca qui per accedere.
Esercitare regolarmente, almeno 30 minuti di intensità moderata almeno 5 giorni alla settimana.
Limitare l'alcool a non più di un bicchiere al giorno.
Moderati livelli di zucchero nel sangue. Se hai il diabete, rimani in cima. Il rischio di ictus è significativamente più elevato per gli individui con diabete.
Smettere di fumare sigarette.

FAST per la corsa

Avere un'attenzione medica immediata (entro un'ora) quando si verificano i sintomi di un colpo sopra indicato è indispensabile per limitare o prevenire danni permanenti o morti. Ci sono farmaci che rapidamente dissolvono i coaguli di sangue per rimuovere l'ostruzione e ottenere il sangue che scorre nuovamente al cervello. Ricevere il trattamento entro 3 ore dalla sperimentazione dei sintomi è correlato ad una probabilità del 30 per cento maggiore di sfuggire a gravi danni.

Negli ambienti medici, l'acronimo mnemonico "FAST" è stato usato per diffondere i segni di avvertimento e cosa fare se sei con qualcuno che sospetti di aver subito un ictus. Se c'è la possibilità di un colpo in corso, chiamare immediatamente un'ambulanza.

Ecco cosa devi ricordare:

F (come “Face” – faccia): chiedere ad una persona di sorridere e osservare se un angolo della bocca non si solleva o ‘cade’

A (come “Arms” – braccia): chiedere alla persona di sollevare entrambe le braccia e osservare se un braccio tende a cadere verso il basso

S (come “Speech” – linguaggio): chiedere alla persona di ripetere una frase semplice e valutare se il suo modo di parlare risulti strano (parole senza senso) o biascicato

T (come “Time” tempo): se è presente uno qualunque di questi segni, chiamare immediatamente il 118

 

Nel momento in cui si sono manifestati e individuati i primi sintomi, la prima cosa che bisogna fare è chiamare il 118 oppure recarsi al pronto soccorso. Non bisogna aspettare! Nel momento dell’attacco ischemico non si può sapere se sarà transitorio e quindi senza conseguenze, oppure no. Per questo motivo la tempestività è fondamentale. In ospedale il paziente può trovare tutte le soluzioni terapeutiche del caso, purché la struttura di ricovero disponga di una Unità Urgenza Ictus (Stroke Unit), le unità di ricovero deputate alla cura dell’Ictus.

Se un individuo è colpito da infarto, qualsiasi ospedale con un reparto di cardiologia è in grado di affrontare questa emergenza. Nel caso dell’Ictus, occorre che l’ospedale disponga di una Stroke Unit, ma spesso i pazienti colpiti da Ictus vengono portati al pronto soccorso più vicino e soltanto successivamente trasportati nell’ospedale dedicato. In questo caso si perdono minuti importanti, perché la cura per l’Ictus, che si chiama trombolisi, ha efficacia se somministrata nelle prime tre/quattro ore dall’attacco ischemico.

loading...