Come perdere peso con ipotiroidismo? Trattamento naturale + Dieta

L'ipotiroidismo è una malattia in cui la tiroide produce poco ormone per le esigenze dell'organismo. La tiroide produce e rilascia gli ormoni che regolano la funzione della maggior parte dei tessuti del corpo e ha effetto sul metabolismo del corpo e termogenesi, i disturbi della tiroide possono causare diffusi, problemi di salute.

Secondo alcune stime, il 40 per cento della popolazione soffre di ipotiroidismo. È più comune nelle donne adulte, ma anche gli uomini. Non sono esclusi neanche i giovani e bambini, così come coloro che hanno altre malattie autoimmuni, il diabete ad esempio. Tipo 1, artrite reumatoide (RA), la malattia celiaca.

Come perdere peso con ipotiroidismo

I sintomi più comuni di ipotiroidismo sono aumento di peso, frequenza cardiaca, ipertensione, costipazione, affaticamento / sonnolenza, costante, depressione, pelle squamosa, secca freddo, pelle pallida, capelli secchi.

Ipotiroidismo - cause e sintomi

Il primo passo nel trattamento di ipotiroidismo è quello di eliminare le cause e gli effetti di disfunzione della tiroide, come l'infiammazione, l'abuso di medicinali, carenze nutrizionali, cambiamenti ormonali dovuti allo stress. La dieta per ipotiroidismo è quella di eliminare gli alimenti che causano reazioni infiammatorie e immunitarie e invece focalizzarsi sul cibo che aiuta a curare il tratto gastrointestinale, i saldi endocrine e ridurre l'infiammazione.

9 potenziali cause di ipotiroidismo

Disturbi infiammatori della tiroide

La causa più comune di ipotiroidismo nei paesi sviluppati è una condizione chiamata Hashimoto. Questo accade quando tiroidite è considerata una malattia autoimmune. Il sistema immunitario di una persona che soffre di Hashimoto, invece di difendere il corpo contro le infezioni, produce una infiammazione nei loro tessuti.

Perché succede questo? Il sistema immunitario riconosce la proteina come tiroide ostile e la distrugge, compromettendo l'attività dell'enzima responsabile della sintesi di ormoni tiroidei. Il problema è che provoca un sacco di infiammazione, che può portare a diverse complicazioni.

Una dieta povera

Una dieta povera di alimenti ricchi di sostanze nutritive, in particolare lo iodio e selenio aumenta il rischio di disturbi della tiroide. Tiroide ha bisogno sia di selenio che di iodio per produrre adeguati livelli di ormoni tiroidei. Questi componenti svolgono anche altre funzioni del corpo; Ad esempio, carenza di selenio grave aumenta l'incidenza di tiroidite, perché si ferma l'attività di  glutatione -, che normalmente controlla l'infiammazione e combatte lo stress ossidativo.

Squilibrio ormonale

In alcune persone, capita che una carenza di ormoni tiroidei causa la diminuzione e la stimolazione della ghiandola pituitaria, che è quello responsabile di ridurre la produzione di ormone TSH. Ma questo accade molto raramente. Si ritiene che questo può essere la causa di circa un su 100 casi.

La malattia infiammatoria intestinale (intestino permeabile)

Malsano ambiente intestinale può contribuire alle carenze nutrizionali e diminuire l'attività autoimmune nel corpo. Le malattie infiammatorie intestinali possono essere causate da allergie alimentari o sensibilità al glutine e latticini. Altre cause: sono danneggiati dalle tossine intestino e lo squilibrio batterico tra i batteri intestinali buoni e nocivi. Quando la banda di permeabilità intestinale, batteri, virus, funghi, parassiti, digeriti residui di cibo e prodotti metabolici tossici possono fuoriuscire dall'interno dell'intestino attraverso la mucosa danneggiata e perdite nel flusso sanguigno, provocando una cascata di sintomi negativi autoimmuni.

Genetica

Anche se non è una causa molto comune, a volte i bambini nascono con disfunzione della tiroide, una malattia genetica chiamata ipotiroidismo congenito. Alcune evidenze suggeriscono che hanno più probabilità di sviluppare ipotiroidismo sono persone con una storia familiare di malattia autoimmune. Ma secondo il National Institute of Health (NIH), la probabilità di ipotiroidismo genetica è molto bassa, con solo circa uno su 4.000 neonati nati con malattie della tiroide.

Gravidanza

Durante la gravidanza, anche se non questo è spiegato perché alcune donne cominciano a produrre alti livelli di ormone tiroideo, poi c'è il molto rapido declino. Questa condizione è nota come tiroidite post-partum.

L'impatto di alcuni farmaci

L'uso di alcuni farmaci può causare ipotiroidismo, ad es. Amiodarone farmaco antiaritmico, che viene utilizzato in pazienti con fibrillazione atriale o aritmie ventricolari.

Alti livelli di stress emotivo

Lo stress colpisce l'equilibrio ormonale del corpo, in grado di elevare i livelli di cortisolo e adrenalina, che interferiscono con la funzione di neurotrasmettitore e peggiorare i sintomi della malattia della tiroide, vale a dire. Mancanza di energia, scarso umore, disturbi dell'appetito e aumento di peso, e difficoltà a dormire.

L'inattività e la mancanza di esercizio fisico

L'esercizio fisico e una dieta sana sono importanti nella lotta contro lo stress cronico. Gli studi dimostrano che le persone che utilizzano regolarmente gli esercizi di solito dormono meglio, affrontano meglio lo stress e in generale mantengono un peso normale. Il movimento più un aiuto della dieta sana per ridurre alcuni dei più grandi fattori di rischio e sintomi associati con ipotiroidismo.

I sintomi di ipotiroidismo

La ghiandola tiroidea, cioè la tiroide non solo produce ormoni essenziali, ma aiuta anche a controllare il processo di conversione di nutrienti dal cibo in energia utilizzabile. Poiché la tiroide svolge un ruolo importante nel metabolismo, il disturbo può colpire quasi ogni parte del corpo, inclusi i livelli di energia e la capacità di bruciare le calorie.

Ormoni prodotti dalla tiroide possono anche aiutare nell'abbassamento di omocisteina, che circola nel sangue. La tiroide può anche stimolare gli enzimi che sono necessari per controllare i livelli di trigliceridi, quindi questo è il motivo per cui le alterazioni della funzionalità tiroidea può portare a problemi cardiaci.

I sintomi più comuni di ipotiroidismo includono:

Stanchezza
Depressione e ansia
L'aumento di peso
Infertilità
Sensazione di freddo
Costipazione
Dolore muscolare e tenerezza
Rigidità e gonfiore delle articolazioni
La caduta dei capelli
Pelle screpolata, ruvida
Problemi respiratori
Le variazioni del ciclo mestruale
Raffreddori più frequenti a causa della bassa funzione immunitaria

L'ipotiroidismo è diagnosticato quando il TSH è aumentato.  A volte il TSH può essere aumentato, ma la tiroide produce ancora abbastanza ormoni FT3, FT4, perché questa condizione è chiamata subclinica (lieve) ipotiroidismo.

Ipotiroidismo subclinico è la forma più lieve della malattia, che dà molto scarsi e difficili da notare i sintomi di malfunzionamento. Si può sviluppare nella tiroide, se non si cambia la dieta e stile di vita. Possono esserci anche essere gravi reazioni autoimmuni - problemi come il deterioramento e disturbi della funzione del cervello, la sterilità, problemi con la gravidanza, obesità, problemi cardiaci e dolori articolari.
Diversi tipi di ipotiroidismo:

Ipotiroidismo dieta

I cibi migliori che si dovrebbe includere nella vostra dieta con ipotiroidismo:

Pesce da fonti affidabili - Questi forniscono omega-3 acidi grassi, che sono necessari per mantenere l'equilibrio ormonale e la funzione della tiroide, pesce selvatico come il salmone, sgombro e tonno sono tra le migliori fonti di omega-3, per rafforzare il sistema immunitario, riducono i sintomi di l'infiammazione, hanno una influenza positiva sul sistema nervoso, la protezione contro la depressione, e migliorare la concentrazione e la memoria. Bisogna ricordare che l'acido grasso omega-3 si ossida molto facilmente, quindi è meglio mangiare crudo o come sushi o fate sobbollire a fuoco basso.

Olio di cocco - fornisce acidi grassi a catena chiamati acidi MCT medie che sono in grado di aumentare il metabolismo, aumentare la temperatura del corpo, promuovere la perdita di peso e aumento di energia. L'olio di cocco è facilmente digeribile, nutre il sistema digestivo ed è antibatterico, antiossidante e inibire l'infiammazione. L'olio di cocco aiuta a migliorare l'immunità e aumentare l'attività cerebrale, la resistenza e l'umore mentre stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue.

Alghe - Alcune delle migliori fonti naturali di iodio. Essi contengono iodio facilmente digeribile essenziale per la produzione di ormoni tiroidei, che svolgono un ruolo chiave nella regolazione del metabolismo basale e termogenesi, e allo stesso tempo determinano il corretto sviluppo e il funzionamento del cervello e del sistema nervoso. Essi dovrebbero apparire nella dieta con ipotiroidismo.

I probiotici - come il kefir o yogurt da latte, kimchi, Kombucha, cavolo fermentato e altre verdure. Probiotici influenzano la flora batterica intestinale, sostenendo il suo funzionamento. Essi aiutano il team di permeabilità intestinale, prevengono l'infiammazione e reazioni autoimmuni.

Germogli - lino, canapa e semi di chia forniscono l'acido alfa-lipoico (ALA), il tipo di grassi omega-3, che è necessario per l'equilibrio ormonale e la funzione della tiroide. I sufficienti livelli di grassi nella dieta promuove la funzione del cervello, contribuendo nel contempo a ridurre l'infiammazione. Mangiando un sacco di grassi sani si stabilizza i livelli di zucchero nel sangue che può aiutare a mantenere un peso corporeo sano.

Acqua pura - acqua aiuta a idratare e migliora la funzione del tubo digerente, prevenendo l'affaticamento e la modifica di stati d'animo. Per prevenire la stipsi, si consiglia di bere circa 2 litri di acqua al giorno.

Gli alimenti ricchi di fibra - Persone con ipotiroidismo possono avere difficoltà a digerire, quindi è meglio consumare 20-40 grammi di fibre al giorno. Inoltre, una dieta ricca di fibre aiuta l'apparato digerente, riduce il colesterolo nel sangue, equilibra glicemia e favorisce un peso sano. Per aumentare l'assunzione di fibre si dovrebbe mangiare più verdure fresche, frutta, fagioli, lenticchie e semi. Ricordiamo che la grande quantità di fibre, può interrompere l'assorbimento di vitamine e minerali.

Buon brodo - manzo e pollo comprendono amminoacidi glicina e prolina, che hanno proprietà anti-infiammatorie; glicina aiuta la digestione e la secrezione di acido gastrico possono calmante effetto, che influenza la qualità del sonno. Buon brodo contiene anche diversi minerali importanti che alimentano il tubo digerente e prevengono la carenza di componenti come calcio, magnesio, fosforo e silicio.

Frutta e verdura - Sono ricche di vitamine, minerali e antiossidanti, che sono necessari per combattere i radicali liberi e ridurre l'infiammazione. Gli ingredienti contenuti in frutta e verdura dovrebbero costituire una parte sostanziale di una dieta sana perché supportano l'apparato digerente, la funzione del cervello, il cuore, l'equilibrio ormonale e un peso sano.

Cibi da evitare l'ipotiroidismo:

Alimenti estrogenici - mangiare grandi quantità di verdure crocifere prime come broccoli, cavolfiori, cavoli, cavolini di Bruxelles e di soia possono influenzare la funzione della tiroide perché contengono glucosinolati, che bloccano l'assorbimento di iodio da parte della tiroide. E 'meglio consumare queste verdure dopo l'evaporazione, cotte o fermentate.

L'acqua del rubinetto - contiene fluoro e cloro, che inibiscono l'assorbimento di iodio.

Glutine - molte persone con ipotiroidismo sono anche sensibili al glutine che provoca la celiachia, malattia autoimmune, che deriva da una allergia al glutine. Il glutine si trova in tutti i prodotti, dal grano, segale e orzo. In alcuni casi tracce di glutine possono aumentare ulteriormente l'infiammazione e aggravare i problemi ormonali.

Latticini - come il glutine, prodotti lattiero-caseari possono essere particolarmente problematici per la tiroide, causando reazioni infiammatorie. Evitare i prodotti del latte vaccino, che non sono organici, e sono pastorizzati.

Zucchero - può rompere l'equilibrio degli ormoni necessari per il metabolismo. Le persone con ipotiroidismo hanno problemi con la perdita di peso, e la ghiandola tiroidea è una chiave dell'equilibrio ormonale e il metabolismo, è meglio evitare lo zucchero. Questo può contribuire a uno squilibrio ormonale, stanchezza, sbalzi d'umore, depressione e aumento di peso.

Prodotti raffinati - Qualsiasi alimento a base di carboidrati raffinati, come la farina di grano arricchito, ha un impatto negativo sui livelli di ormone e può contribuire all'aumento di peso. I prodotti che hanno subito raffinazione sono: pane, cereali, pasta e tutti i dolci.

Rimedi naturali

In aggiunta alla dieta per ridurre o eliminare l'ipotiroidismo è possibile utilizzare questi cinque rimedi naturali:

Ginseng indiano o Ashwagandha (500 mg al giorno)

Ashwagandha aiuta il corpo a rispondere allo stress, pur mantenendo i livelli ormonali in equilibrio. Ginseng indiano aiuta i livelli di cortisolo più bassi e equilibria T4. Studi clinici hanno dimostrato che l'assunzione di questa erba per otto settimane, aiuta i pazienti con ipotiroidismo aumentando significativamente il livello di tiroxina, che riduce la gravità della malattia. vantaggi simili hanno erbe come Rhodiola, radice di liquirizia, ginseng e basilico.

Lo iodio (150-300 microgrammi al giorno)

Gli studi dimostrano che anche piccole quantità di supplemento di iodio (250 microgrammi) provoca un piccolo ma significativo cambiamento nella funzione degli ormoni tiroidei in soggetti predisposti. Una dieta ricca di alimenti contenenti iodio - tra cui pesci marini, verdure, uova e alghe - può aiutare a prevenire la carenza.

I supplementi a base di iodio non deve essere assunto da persone che soffrono di Hashimoto, dal momento che una dose troppo alta di iodio somministrato nel lungo periodo aumenta il rischio di sviluppare ipertiroidismo.

Selenio (200 microgrammi al giorno)

La tiroide è un organo con il più alto contenuto di selenio nel corpo. Il selenio è essenziale per la produzione di ormone tiroideo T3 e può ridurre il verificarsi di disturbi autoimmuni. Nei pazienti con tiroidite di Hashimoto e le donne in gravidanza con disturbi della tiroide, la supplementazione di selenio riduce i livelli di anticorpi antitiroidei, migliora la struttura della ghiandola tiroidea.

L-tirosina (500 mg due volte al giorno)

È un aminoacido che aiuta naturalmente il corpo a produrre un proprio ormone tiroideo.

L'uso di L-tirosina ha mostrato un miglioramento del sonno, stanchezza cronica e può anche ridurre la sensazione di stress. Uno dei motivi per cui la L-tirosina è preferita per trattare i sintomi della tiroide è quella che svolge un ruolo nella produzione di melatonina di dopamina e / o noradrenalina.

L'olio di pesce (1000 mg al giorno)

L'olio di pesce ha un alto contenuto di acidi grassi essenziali omega 3, che hanno un effetto molto benefico sulla nostra salute. Essi sono associati con un minor rischio di sintomi della tiroide, tra cui l'ansia, la depressione, colesterolo alto, malattie infiammatorie intestinali, artrite, un sistema immunitario indebolito.

La vitamina B-Complex (una compressa al giorno)

Tiamina e vitamina B12 sono importanti per la funzione neurologica e l'equilibrio ormonale. Gli studi dimostrano che la supplementazione di tiamina può aiutare a combattere i sintomi della malattia autoimmune, tra cui la stanchezza cronica.

La vitamina B12 è un altro nutriente importante che combatte la fatica, perché un effetto positivo sul sistema nervoso centrale.
Integratori probiotici

I probiotici aiutano a trattare colon-retto e assistere l'assorbimento delle sostanze nutritive, riducendo l'infiammazione. Altri vantaggi di probiotici di alta qualità è: supporto immunità, aumento di energia per la produzione di vitamina B12, migliorare la salute della pelle e aiuta a regolare l'appetito.

Oli essenziali

Per migliorare il funzionamento della ghiandola tiroidea e trattare i sintomi di una malattia autoimmune, è possibile utilizzare alcuni oli essenziali:

È possibile combinare tre gocce di olio essenziale di incenso con cinque gocce di olio essenziale di citronella e olio di chiodi di garofano. Si dovrebbe strofinare una miscela direttamente alla ghiandola tiroidea. Si può anche provare a mettere due gocce di olio dal profumo sul palato della bocca, due volte al giorno.
Allo stesso modo, si tenta di strofinare la zona del disco con 2-4 gocce di olio essenziale di citronella e mirra, e punti sui piedi (dei piedi) e più volte polsi- al giorno.
Per combattere dolori muscolari o articolari, si può fare un bagno rilassante con oli essenziali di geranio, chiodi di garofano, mirra e citronella.
Per combattere la stanchezza, è possibile utilizzare l'olio essenziale di menta piperita oli e di agrumi (limone e pompelmo).
Per migliorare il vostro umore e ridurre l'ansia e irritabilità, l'olio di camomilla, incenso e olio essenziale di lavanda.

Fonte: draxe.com

loading...