Come il sistema immunitario controlla il comportamento sociale umano?

Si è constatato che il sistema immunitario può controllare il comportamento sociale. "Sembra pazzesco, ma forse siamo gli unici multicellulari campo di battaglia due antiche forze: gli agenti patogeni e il sistema immunitario. Parte della nostra personalità può effettivamente essere controllata dal sistema immunitario, "- dicono gli scienziati.

Gli scienziati americani hanno scoperto che il sistema immunitario è coinvolto nella regolazione delle connessioni neuronali e il comportamento sociale. I risultati sono pubblicati sulla rivista Nature.

Come il sistema immunitario controlla il comportamento sociale umano

Come il sistema immunitario controlla il comportamento sociale umano

I dipendenti della University of Virginia e Massachusetts utilizzati nel lavoro di topi con congenita immunodeficienza combinata grave (acquisita sistema immunitario sconfitta). Il test a tre camere standard socializzazione tali animali, in contrasto con i parenti sani interessati a nient'altro che oggetti inanimati. In questa ansia, sono stati osservati motore o deficit olfattivi.

Tenuto in stato di riposo fMRI ha rivelato in topi immunodeficienti è aumentato drasticamente il numero di connessioni neuronali tra più aree della corteccia frontale e il giro insulare, responsabile per il comportamento sociale. Un modello simile è stato osservato nelle persone con disturbi dello spettro autistico e gli animali con i disordini sociali simulate.

All'età di quattro settimane i topi con immunodeficienza sono entrati nella normalità linfociti T. Dopo quattro settimane gli animali sono in prova socializzazione non differiva dal normale. connessioni neuronali nelle rispettive regioni del cervello si sono normalizzate.

Introduzione di un animale sano di anticorpi integrina VLA4, impedendo la penetrazione di linfociti T nelle meningi, causato loro una violazione di socializzazione, un comportamento simile a topi immunodeficienti.

Per capire esattamente che cosa vie di segnalazione dipendente da linfociti T (gamma-interferone, interleuchine 4/13, 17 e 10, fattore di crescita trasformante beta), influenzare il comportamento sociale, i ricercatori hanno analizzato la rappresentazione dei gruppi funzionali di geni (dell'ECGS) a 41 trascritto ma corteccia cerebrale di ratti e topi dopo l'esposizione a vari stimoli. Questi incentivi comprendono aggregazione sociale, la privazione del sonno, lo stress, la somministrazione di stimolanti, antidepressivi, anticonvulsivanti e antipsicotici. Si è constatato che gli psicostimolanti aggregazione e l'accettazione sociale aumentata espressione di geni regolati da interferone-gamma.

Ulteriori studi hanno dimostrato che nei topi con carenza di questo neurotrasmettitore immunità osservato gli stessi disordini sociali e le connessioni neuronali in animali con immunodeficienza. L'introduzione di interferone-gamma nel liquido cerebrospinale elimina queste violazioni. I ricercatori hanno poi scoperto che i neuroni della corteccia prefrontale esprimono recettori per l'interferone-gamma, e che l'inibizione di questa espressione porta a disturbi del comportamento sociale.

Esperimenti con campioni preparati al momento di neuroni mostravano un interferone-gamma inibisce l'attività di neuroni aumentando il livello di inibitorio GABA neurotrasmettitore. Ciò significa che i disturbi di socializzazione in immunodeficienza sono causati da eccessiva attivazione delle cellule della corteccia prefrontale.

Dato che l'interferone-gamma è anche un importante mediatore della risposta immunitaria, i ricercatori hanno suggerito che un doppio della sua azione è il risultato di una necessità evolutiva per aumentare l'immunità mentre nei parenti di una società dove la diffusione dei patogeni avviene rapidamente. Per verificare questa ipotesi, i ricercatori hanno analizzato pubblicamente trascritto ma da specie diverse, tra cui ratti, topi, pesci, pesce zebra e mosca della frutta. ECGS rivelato che tutti gli animali che sono in stretta comunità attivano meccanismi immunitari, anche in assenza di infezioni, e l'isolamento, al contrario, li sopprime.

Così, il sistema immunitario è un importante regolatore di comportamento sociale, e un certo numero di tratti comportamentali potrebbe apparire nel processo di evoluzione a causa dell'immunità lotta contro le infezioni. "Sembra pazzesco, ma forse siamo gli unici multicellulari, un campo di battaglia due antiche forze: gli agenti patogeni e il sistema immunitario. Parte della nostra personalità in realtà può essere controllata dal sistema immunitario, "- ha detto il capo del lavoro di Jonathan Kipnis (Jonathan Kipnis). I risultati possono avere un impatto significativo sulla comprensione delle cause dei disturbi dello spettro del autismo e la schizofrenia, nonché sugli approcci per il trattamento di queste condizioni.

loading...