Additivo alimentare E319 rendere difficile combattere l’influenza?

Una nuova ricerca suggerisce che un additivo alimentare E319, che aiuta a mantenere fresco il cibo imballato potrebbe indebolire la risposta immunitaria del corpo nella lotta contro l‘influenza.

Un additivo alimentare che i produttori comunemente aggiungono alla carne congelata potrebbe rendere più difficile per noi combattere i virus dell’influenza.

Molti di noi hanno avuto l’ influenza ad un certo punto e l’anno trattata con nient’altro, che il riposo a letto e molti liquidi. Tuttavia, sebbene l’influenza possa sembrare una condizione relativamente innocua, in realtà continua a causare un numero significativo di morti in tutto il mondo.

Combattere influenza

Negli Stati Uniti, ad esempio, ci sono stati 80.000 decessi correlati all’influenza nel 2017-2018. In tutto il mondo, quasi 650.000 persone sono morte per malattie respiratorie derivanti dall’infezione dal virus influenzale.

Quindi, i ricercatori sono ancora interessati a saperne di più sui fattori che aumentano il rischio di contrazione influenzale, quello che rende la malattia più grave o può ostacolare l’efficacia dei vaccini influenzali.

Ora, Robert Freeborn, un ricercatore presso la Michigan State University di East Lansing, e il suo team di ricercata hanno scoperto che un additivo alimentare comune è uno di questi fattori che sopprimono la risposta immunitaria del corpo e lo indebolisce la lotta contro l’influenza.

Cos’è tert-butilidrochinone” TBHQ o E319?

Il terz-butil-idrochinone (TBHQ o butilidrochinone terziario) è un composto organico aromatico e un tipo di fenolo. Si tratta di un derivato dell’idrochinone, sostituito con un gruppo terz-butile.

L’additivo alimentare porta il nome “tert-butilidrochinone” (tBHQ) ed è un antiossidante sintetico che impedisce il deterioramento degli oli e dei grassi presenti negli alimenti attraverso l’ossidazione. Questo additivo è spesso presente in carne congelata, cracker e cibi fritti.

Nell’industria alimentare, il TBHQ è impiegato come conservante per gli oli vegetali insaturi e molti grassi animali commestibili. Non causa scolorimento anche in presenza di ferro, e non altera le caratteristiche organolettiche del materiale al quale viene aggiunto.

Può essere combinato con altri conservanti quali l’idrossianisolo butilato (BHA). Nell’elenco degli ingredienti, viene identificato con il codice E319. Viene additivato ad un gran numero di alimenti, con il limite massimo di 1 g/kg ammesso per pesce e prodotti ittici congelati. Il suo vantaggio principale è di aumentarne il periodo di conservazione.

Freeborn e colleghi hanno svolto il loro studio sui topi e hanno presentato i loro risultati alla riunione annuale dell’American Society for Pharmacology and Experimental Therapeutics , che si tiene ad aprile ad Orlando, FL.

Come tBHQ altera la risposta immunitaria

Le cellule T cosiddette “helper” sono fondamentali nella lotta contro virus dell’influenza che invadono il corpo. Le cellule T helper coordinano gli sforzi di altri componenti del sistema immunitario, mentre le cellule T “assassine” prendono di mira e distruggono le cellule infette.

Utilizzando un modello del topo con infezione  influenzale, Freeborn e colleghi hanno alimentato un gruppo di roditori con una dieta con aggiunta di tBHQ mentre un altro gruppo di roditori hanno mangiato una dieta standard senza additivi.

I ricercatori hanno scoperto che entrambe le cellule T helper e killer si attivano molto più lentamente nei topi che hanno mangiato i cibi potenziati con tBHQ. Di conseguenza, il virus ha impiegato molto più tempo per estinguersi.

“I nostri studi hanno dimostrato che i topi che hanno seguito una dieta con  tBHQ avevano una risposta immunitaria indebolita al virus dell’ influenza, “commenta Freeborn.

Nella ricerca con i topi, tBHQ sopprimeva la funzione di due tipi di cellule T: cellule T helper e killer. In definitiva, questo ha portato a sintomi più gravi durante una successiva infezione di influenza.”

Robert Freeborn

Inoltre, quando i ricercatori hanno reinfettato i roditori con un nuovo ceppo simile di influenza, hanno scoperto che i topi alimentati con tBHQ erano malati più a lungo e hanno perso più peso.

Questo, spiegano i ricercatori, suggerisce che l’additivo interferisca con la cosiddetta “risposta alla memoria” che aiuta il sistema immunitario a combattere una seconda l’infezione.

Quanto tBHQ consumi?

Il primo autore dello studio offre alcune informazioni sui potenziali meccanismi che possono spiegare l’effetto di questo additivo alimentare sulla risposta immunitaria.

“In questo momento, la mia ipotesi principale è che tBHQ causi questi effetti attraverso la sovraregolazione di alcune proteine ​​che sono note per sopprimere il sistema immunitario”, afferma Freeborn.

“L’espressione di queste proteine, CTLA-4 e IL-10, è stata sovraregolata in due diversi modelli che usiamo in laboratorio, tuttavia è necessario un ulteriore lavoro per determinare se la sovraregolazione di queste proteine ​​soppressive sia effettivamente causativa per gli effetti di tBHQ durante infezione l’influenzle.”

Nella loro ricerca, gli scienziati hanno usato una dose di tBHQ che è equivalente alle stime del consumo tipico umano. Tuttavia, Freeborn e colleghi sottolineano che è difficile dire quante persone e in quali quantità stanno consumando in realtà i prodotti con tBHQ.

Modelli di dieta hanno portato gli scienziati a stimare che alcuni individui statunitensi consumano quasi il doppio dell’importo massimo consentito dalle organizzazioni di esperti.

“Può essere difficile sapere se stai consumando e in quali quantità il tBHQ, in quanto non è sempre elencato sulle etichette degli ingredienti”, afferma Freeborn. Inoltre il tBHQ , viene spesso aggiunto nel olio che le persone usano per friggere patatine fritte, ad esempio, che rende ancora più difficile da rilevare.

Il modo migliore per limitare l’esposizione a tBHQ è essere consapevoli delle scelte alimentari: dal momento che il tBHQ è largamente utilizzato per stabilizzare i grassi, una dieta a basso contenuto di grassi e il taglio degli snack trasformati contribuiranno a ridurre il consumo di tBHQ”.