I medici non piace questa Dieta perché uccide il cancro, tratta la depressione, emicranie e autismo.

C'è una dieta che ha la possibilità di trattare il diabete, depressione, cancro, emicranie e autismo. Secondo una recente ricerca, chetosi nutrizionale è un ottimo rimedio per numerose malattie tra cui il cancro. Una dieta chetogenica può spostare il metabolismo del corpo, questo modo favorirà il passaggio dalla modalità brucia carboidrati a brucia grassi.. La dieta ha bisogno di 50-70% dell'assunzione di cibo provenire da grassi benefici come l'olio di cocco, burro da mucche nutriti con erba, avocado e frutta a guscio come noci di macadamia. E 'a corto di carboidrati che stimola il vostro corpo a bruciare i grassi per produrre energia e accelera il processo di perdita di peso.

Benefici per la salute di una dieta chetogenica

Benefici per la salute di una dieta chetogenica

L'obiettivo finale di una dieta cheto corretta è quello di forzare il vostro corpo in questo stato metabolico. Noi non facciamo questo per fame di calorie, ma per fame di carboidrati. I nostri corpi sono estremamente adattabili a ciò che si mette in esso - quando si esegue sovracaricamento con i grassi e porta via i carboidrati, si inizia a bruciare chetoni come fonte principale di energia.

Benefici per la salute di una dieta chetogenica

Accelera la perdita di peso

Per chi desidera perdere peso in tempi rapidi, senza soffrire la fame e mantenendo la tonicità dei tessuti.

La dieta chetogena è una dieta ipocalorica caratterizzata dall’impiego di una normale quantità di proteine e di un basso apporto di carboidrati e grassi. Le proteine usate sono ad alto valore biologico , in buste singole o flacone da 500 ml da sciogliere in acqua, possono essere aromatizzate e dolcificate a piacere (NEP) oppure sottoforma di cibi in polvere da ricostituire (zuppe) o pronti per l’uso (biscotti, barrette) (trattamenti dietetici multifasici)

Si tratta di una dieta capace di far dimagrire minimizzando la perdita di massa magra. La perdita di massa magra viene fermata con la somministrazione di una quantità personalizzata di proteine (calcolata in base al peso ideale)·
I primi due giorni sono quelli più duri, perché l’esaurirsi progressivamente del glucosio non fa altro che creare· le sensazioni che si hanno con il digiuno.
Dal Terzo giorno in poi si attiva la chetogenesi ossia il grasso inizia ad essere trasformato in zuccheri e in questo procedimento si creano i corpi chetonici.
In questa fase si attiva la lipolisi ed il cervello impara ad utilizzare i corpi chetonici come fonte energetica. Il bilancio proteico è in pareggio perché compensato dall’alimentazione, a base di proteine, che viene fornita. In più comincia a farsi sentire l’effetto anoressizzante e quello euforizzante dei corpi chetonici. L’introduzione delle proteine è fondamentale non solo per la conservazione della massa magra, ma anche per il buon funzionamento dell’apparato immunitario e dell’apparato sessuale.

Protegge il vostro cervello

La dieta chetogenica è una dieta ad alto contenuto di grassi, adeguato apporto di proteine​​ e basso contenuto di carboidrati che in medicina viene utilizzata principalmente per il trattamento dell'epilessia difficile da controllare (refrattaria) nei bambini. La dieta costringe il corpo a bruciare i grassi piuttosto che carboidrati. Normalmente, i carboidrati contenuti negli alimenti sono convertiti in glucosio, che viene poi trasportato in tutto il corpo ed è particolarmente importante nel rifornimento della funzione cerebrale. Tuttavia, se vi sono molto pochi carboidrati nella dieta, il fegato trasforma il grasso in acidi grassi e corpi chetonici. I corpi chetonici passano nel cervello a sostituire il glucosio come fonte di energia. Un elevato livello di corpi chetonici nel sangue, uno stato noto come chetosi, porta ad una riduzione della frequenza delle crisi epilettiche. Creata nel 1920 per combattere l'Epilessia, questa dieta è oggi studiata per la cura di numerose malattie degenerative.

Nella malattia di Parkinson, una funzione mitocondriale indebolita è supposta essere coinvolta nella morte dei neuroni che forniscono la dopamina. I ricercatori ipotizzano che i corpi chetonici possono proteggere i mitocondri e sostenere la loro funzione.
In un piccolo studio, cinque pazienti con malattia di Parkinson hanno usato la dieta chetogenica per quattro settimane. I loro punteggi UPDRS hanno migliorato, scendendo del 43%, il che è molto incoraggiante. Anche se gli autori dello studio non hanno potuto escludere un effetto placebo. Tuttavia, studi sulle cellule e su animali si sono dimostrati promettenti e i ricercatori continuano a studiare questa dieta per il Parkinson e per altri disturbi neurodegenerativi.

Uno studio pubblicato dal magazine BMC Pediatric ha dimostrato che la dieta chetogenica è risultata efficace nella cura delle convulsioni e di altre manifestazioni legate all’autismo. Addirittura, sembra, che una dieta appropriata sia più consigliata di alcuni farmaci anticonvulsivi che, pur riducendo alcuni sintomi della malattia, provocano effetti collaterali anche gravi.

Secondo uno studio, i pazienti affetti da morbo di Parkinson sperimentato una riduzione del 43% dei sintomi dopo un mese di dieta chetogenica. Diversi studi hanno suggerito che le diete chetogenica può essere la cura per l'autismo. Secondo la ricerca, la maggior parte dei bambini autistici hanno manifestato miglioramenti significativi dopo soli 6 mesi.

Combatte il cancro

La CBN News ha recentemente pubblicato un articolo sulla dieta chetogenica. Chiaramente, molte persone si stanno rendendo conto che le attuali terapie di lotta al cancro semplicemente non funzionano, e non possiamo permetterci di continuare nello stesso modo. La prevenzione deve essere basilare se vogliamo invertire la tendenza sulla crescente incidenza del cancro in tutti i gruppi di età. Ma ancor più sorprendente, in termini di trattamento, è che il cancro possa regredire solo con la dieta.

“Il Dr. Fred Hatfield è un ragazzo impressionante: un campione di sollevamento pesi, autore di decine di libri, un uomo d’affari milionario con una bella moglie. Ma la sua più grande realizzazione consiste nella sconfitta del proprio tumore come lui stesso afferma: << I medici mi hanno dato tre mesi di vita a causa di un diffuso tumore metastatico nella mia struttura scheletrica, in tre mesi, tre medici diversi mi ha detto la stessa cosa. >>”

Il Dr. Hatfield si preparava a morire, quando ha sentito parlare di terapia metabolica, conosciuta anche come dieta chetogenica. Non aveva niente da perdere così ha fatto una prova, e … ha funzionato! Il cancro scomparve completamente.

Il Dr. Dominic D’Agostino, insieme a un gruppo di ricercatori della University of South Florida studia la terapia metabolica. Essi hanno scoperto che quando gli animali da laboratorio sono stati alimentati con una dieta priva di carboidrati, sono sopravvissuti ad un tumore metastatico molto aggressivo in maniera migliore di quelli trattati con chemioterapia.

Il Dr. D’Agostino ha riscontrato lo stesso successo anche nelle persone. “Sono rimasto in contatto con un gran numero di persone, almeno una dozzina negli ultimi due anni, e tutti loro sono ancora in vita, nonostante le probabilità. Questo è molto incoraggiante.”

In che modo la dieta chetogenica fa morire di fame le cellule tumorali?

Il Dr. D’Agostino spiega come la dieta chetogenica può avere un incisivo e rapido effetto sul cancro. Tutte le cellule del nostro corpo sono alimentate dal glucosio. Questo comprende le cellule tumorali. Tuttavia, le cellule tumorali hanno un difetto fatale interno,

consumano molto più glucosio delle cellule normali
non hanno la flessibilità metabolica delle cellule normali per cui non possono adattarsi a usare i corpi chetonici come combustibile, come possono fare tutte le altre cellule

Così, quando si cambia la propria dieta e non si assumono più i carboidrati ma la si trasforma in quella conosciuta come “brucia grassi” il corpo inizia ad utilizzare il grasso come carburante, piuttosto che i carboidrati. Quando si passa dai carboidrati ai grassi sani, le cellule tumorali muoiono di fame, dal momento che non forniamo loro il carburante necessario; il glucosio utile per la loro crescita. Come afferma il Dr. D’Agostino:

“Le cellule normali hanno la flessibilità metabolica necessaria per adattarsi utilizzando i corpi chetonici come fonte di energia e nutrimento. Ma le cellule tumorali non hanno questa flessibilità metabolica.”

Ho già discusso le modalità per far “morire di fame” il tumore, l’eliminazione di zuccheri / fruttosio e cereali (carboidrati ad esempio) è in cima alla lista. E’ il passo basilare senza il quale, poche altre strategie alimentari hanno buone probabilità di successo. E’ necessario smettere di fare ciò che permette lo sviluppo del cancro (o le cattive condizioni di salute in generale), e poi tutte le altre strategie di prevenzione hanno la possibilità di avere davvero un impatto significativo.

Che cosa rende una dieta anti-cancerogena?

Ricorda che l’alimentazione dovrebbe essere in cima alla tua lista. Non basta aggiungere alla tua attuale dieta alcuni alimenti anti-cancerogeni.

I carboidrati aumentano l’insulina e i livelli di leptina, e mantenere in equilibrio questi due ormoni è indispensabile se vuoi evitare malattie croniche di tutti i tipi, tra cui il cancro.

Uno dei miei mentori principali sull’importanza dell’insulina e della leptina, il Dr. Rosedale è stato uno dei primi professionisti a sostenere una dieta a basso contenuto di carboidrati, moderato uso di proteine e grasso di alta qualità. Questo andava in contrasto con la maggior parte dei sostenitori del basso consumo di carboidrati, i quali erano, e sono tuttora, molto propensi, se non i principali sostenitori, di una dieta ad alto contenuto proteico, come sostituto per i carboidrati.

Se tu o qualcuno che conosci è affetto dal cancro, l’opzione più sana potrebbe essere quella di sostituire i carboidrati con grassi benefici, e limitare le proteine a fonti di alta qualità biologica, il Dr. Rosedale consiglia 1 grammo di proteine per chilogrammo di massa magra del corpo, che per la maggior parte delle persone sarà di circa 50 grammi di proteine al giorno. Mentre nella dieta chetogenica si possono consumare livelli molto bassi di carboidrati, è necessario invece disporre di un po ‘di proteine ogni giorno per sostituire le esigenze nutritive del tuo corpo. La soluzione è quella di aggiungere grassi sani per sostituire i carboidrati e le proteine in eccesso:

olive ed olio extravergine di oliva
cocco ed olio di cocco
burro di ghee o burro di mucche allevate al pascolo
frutta secca (noci, mandorle, macadamia, noci dell’amazzonia, ecc)
uova
carne biologica
avocado

Errori su grassi e carboidrati

Il dottor Robert Lustig, un altro esperto sui pericoli delle diete ad alto contenuto di carboidrati è stato recentemente intervistato per l’uscita del suo nuovo libro “Fat Chance: Beating the Odds Against Sugar, Processed Food, Obesity, and Disease” dove affronta i miti persistenti sui grassi che stanno mettendo in pericolo la salute di milioni di persone. E’ difficile sapere quante persone hanno sofferto di cattive condizioni di salute perché hanno seguito le convenzionali raccomandazioni di medici e dietologi sul basso contenuto di grassi, ma sono sicuro che il numero è significativo. Per approfondire sui nuovi studi sui grassi I Grassi fanno dimagrire, aumentano i muscoli, allungano la vita.

Ancora oggi, molti medici, nutrizionisti, e funzionari della sanità del governo vi diranno di evitare i grassi saturi limitando il consumo di grassi al di sotto del 10 per cento, basando la maggior parte della vostra dieta, per circa il 60 per cento sui carboidrati. Questa è pura follia, perché è l’esatto contrario di una dieta che assicurerà una salute ottimale. Infatti sebbene tutti stanno seguendo questi consigli le malattie stanno salendo esponenzialmente.

La dieta chetogenica è una dieta che induce nell’organismo la formazione di sostanze acide definite “corpi chetonici” (da cui il nome) come il beta-idrossibutirrato, l’ acido acetacetico e l’ acetone. La produzione di corpi chetonici avviene nel fegato quando si assume una quantità molto bassa o nulla di zuccheri ad esempio in caso di digiuno o di dieta molto ricca di grassi. In questo caso l’organismo ed il cervello in particolare, utilizzano i corpi chetonici come fonte di energia . Lo stato metabolico indotto dalla dieta è definito chetosi.

Tale dieta risulta attualmente la terapia di elezione nel deficit di trasportatore del glucosio (GLUT-1) e nell' epilessia farmaco resistente mentre in molte altre patologie è in fase di studio.

Nella dieta equilibrata suggerita per la popolazione sana

i grassi rappresentano una percentuale non superiore al 30% e gli zuccheri il 50 - 60% dell’energia il che si traduce mediamente in un apporto minimo di 200 grammi di zuccheri al giorno.

La dieta chetogenica è una dieta terapeutica e pertanto non valgono le regole su cui si basa la dieta equilibrata che segue il modello alimentare mediterraneo. Nella dieta chetogenica classica i grassi rappresentano l ’87 – 90 % delle calorie e gli zuccheri meno del 5% per cui il contenuto è ridotto fino ad un minimo di 10 grammi L’organismo può tollerare una dieta povera di carboidrati a condizione sia impostata, controllata ed integrata mediante utilizzo di integratori sugar free dalla dietista e dal medico specialista in Scienza dell’Alimentazione.

La composizione della dieta chetogenica classica è impostata sulla base dei fabbisogni di energia e nutrienti del paziente e calcolata in modo da rispettare un preciso rapporto chetogenico stabilito dal medico.

Il rapporto chetogenico è dato dal rapporto in peso tra grassi e la somma di proteine e zuccheri, espressi in grammi

R (rapporto chetogenico) = g lipidi / (g proteine + g zuccheri)

e può variare da 2:1 fino a 4:1.

La dieta prevede in generale generalmente tre pasti: colazione, pranzo e cena. Ogni pasto è equivalente, ha lo stesso rapporto chetogenico ed apporta la stessa quantità di energia e nutrienti (proteine, grassi e zuccheri )

I livelli di chetosi indotti dalla dieta vanno controllati tramite la misurazione della chetonuria (livelli di chetoni nelle urine) e della chetonemia (livelli di chetoni nel sangue). Il valori di glicemia e chetonemia capillare possono essere comodamente rilevati a domicilio mediante una macchinetta detta reflettometro.

In generale la dieta chetogenica è ben tollerata dalla maggioranza dei pazienti ed il trattamento viene impostato in modo tale da prevenire o ridurre al minimo l’insorgenza di complicanze a breve e a lungo termine.

Lo scarso contenuto di cibi ricchi d’amido e di vegetali fa sì che la dieta chetogenica sia estremamente povera in fibre e ciò può causare o aggravare una condizione di stipsi L’assunzione di liquidi va sempre incoraggiata sotto forma di bevande non zuccherate.

loading...